rotate-mobile
Lunedì, 22 Aprile 2024
Economia

Di Lorito (direttore Cna) sui lavori nelle strade: "Gli interventi di manutenzione della città da concordare con le forze sociali"

Il direttore di Cna Pescara, Luciano Di Lorito, manda il suo messaggio all'amministrazione comunale: «Non ripetere il caso di viale Marconi, l’economia non va colpita»

«Gli interventi di manutenzione della città sono da concordare con le forze sociali, non ripetere il caso di viale Marconi, l’economia non va colpita».
È chiaro il messaggio che manda Luciano Di Lorito, direttore di Cna Pescara, all'amministrazione comunale guidata dal sindaco Carlo Masci riguardo ai lavori lungo le strade cittadine che impattano su negozi e attività.

«Nessuno nega l’esigenza di procedere a lavori di manutenzione e riqualificazione delle strade di Pescara, ci mancherebbe», chiarisce Di Lorito, «ma si deve anche tener conto che per i lavori esistono periodi dell’anno più indicati, altri meno; e che le esigenze delle attività produttive vanno tenute in debita considerazione, sennò la città diventerà anche più bella, ma le attività produttive abbasseranno le saracinesche».

Poi Di Lorito aggiunge: «Hanno senso le proteste sollevate in questi giorni dagli operatori, soprattutto delle attività commerciali e artigianali di corso Vittorio Emanuele II, di fronte all’avvio di lavori che renderanno di fatto la strada impraticabile per settimane. E questo nel periodo dei saldi, che rappresentano un'autentica boccata di ossigeno per le attività commerciali, non va affatto bene».

In generale, aggiunge il direttore provinciale di Cna, «occorre che il calendario degli interventi programmati, sul merito dei quali ovviamente non esistono dubbi, venga redatto guardando anche alle forze reali che vivono nella città: l’agenda dei lavori non può entrare in contrasto con queste esigenze, ma ne deve ragionevolmente tener conto. Chi procederebbe al rifacimento della riviera in piena estate? Nessuno. Dunque, si deve usare lo stesso metro di ragionevolezza anche altrove. Il problema è che il rapporto con le forze economiche e sociali della città deve rappresentare un metodo di lavoro anche in materia di programmazione degli interventi di manutenzione della città. Tolti ovviamente quelli urgenti e indifferibili, gli altri si possono programmare: abbiamo già una strada martire, si chiama viale Marconi, con le attività economiche messe in ginocchio da un progetto di riqualificazione cervellotico: inutile e dannoso crearne altre senza motivo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Lorito (direttore Cna) sui lavori nelle strade: "Gli interventi di manutenzione della città da concordare con le forze sociali"

IlPescara è in caricamento