rotate-mobile
Martedì, 20 Febbraio 2024
Economia

Piacciono le app per pagare il parcheggio, Gasbarro (Pescara Multiservice): "Numeri in netta crescita"

L'amministratore unico di Pescara Multiservice spiega che nel solo 2022 sono state circa 103.000 le soste pagate con le due app a disposizione degli utenti: Easy Park e My Cicero. Ma attenzione a commettere errori!

Abbiamo voluto chiedere a Benedetto Gasbarro, amministratore unico di Pescara Multiservice, come sia andata finora l'app per pagare i parcheggi e quante persone l'abbiano utilizzata. Ebbene, i dati sono positivi: «Noi operiamo con due app: Easy Park e My Cicero», spiega Gasbarro. «Negli ultimi mesi, in particolare dal periodo estivo in poi, le applicazioni sono state sempre più utilizzate e, adesso, il loro andamento è in continua crescita. Il numero di soste pagate con le app è decisamente importante: per il 2022 i dati ci parlano di circa 103.000 parcheggi pagati con Easy Park e My Cicero, mentre per il 2021 sono state registrate circa 59.000 soste. Attenzione, però: il confronto non è completamente alla pari perché due anni fa c'erano ancora alcune restrizioni Covid, che sicuramente hanno inciso sul risultato finale, senza contare che le nuove aree di parcheggio (compresa la riviera) sono arrivate soltanto nel 2022. Dunque non è proprio un raffronto "chiaro", ma sicuramente possiamo dire che il pagamento della sosta con le app è sempre più praticato nella nostra città».

Diversi cittadini hanno segnalato a IlPescara.it l'impossibilità di tornare indietro se ci si sbaglia nel digitare la targa: in quel caso, infatti, una volta presa la multa (pari a 30 euro) si è costretti a pagarla anche se l'errore è stato commesso in buona fede. Cosa risponde Gasbarro in merito? «Per quanto concerne la possibilità di sanare gli errori, se la persona se ne accorge in tempo utile può effettuare subito delle correzioni attraverso la app. La modifica, invece, non può avvenire quando il tempo di sosta è esaurito ed eventualmente si è già stati sanzionati. Molte volte succede che l'utente abbia memorizzato, nella app, più di una targa che riguarda macchine di sua proprietà: se, purtroppo, ci si sbaglia nel digitare il numero corretto, l'ausiliario che passa va a verificare la targa e non può sapere né rendersi conto che l'automobilista ne abbia anche un'altra. Al tempo stesso, nessuno può dimostrare che entrambe le macchine non fossero parcheggiate lì in quel momento. Di conseguenza, l'errore non è sanabile se l'utente non se ne accorge in tempo utile. Invitiamo, pertanto, tutti a prestare la massima attenzione nelle fasi di digitazione, al fine di evitare spiacevoli sorprese».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piacciono le app per pagare il parcheggio, Gasbarro (Pescara Multiservice): "Numeri in netta crescita"

IlPescara è in caricamento