Economia

Cristian Odoardi confermato alla presidenza della Cna pescarese

Ieri 29 giugno si è tenuta l'assemblea elettiva con la conferma di Odoardi alla presidenza provinciale, tenuta in gran parte in videoconferenza con alcuni dirigenti in sala

Cristian Odoardi è stato confermato per i prossimi quattro anni alla presidenza della Cna provinciale di Pescara. Ieri 29 giugno si è tenuta l'assemblea elettiva provinciale, che si è tenuta quasi esclusivamente in videoconferenza, con solo alcuni dirigenti in sala (tra gli altri il presidente e il direttore regionale Savino Saraceni e Graziano Di Costanzo) e collegamenti con le sedi decentrate di Penne, Scafa e Manoppello.

Fra gli obiettivi dei prossimi quattro anni, ha detto Odoardi, quello ovviamente del rilancio del mondo dell'artigianato e micro impresa contrastando alcuni ostacoli e "nemici" che possono bloccare la ripartenza come fisco tiranno, burocrazia invadente, cronica mancanza di liquidità

"Quando ho assunto la presidenza nel 2017, tutti pensavamo che la crisi economica iniziata nel 2008 fosse ormai finita ma quella crisi ha cambiato in modo irreversibile il modo di lavorare e il modo di gestire le nostre imprese, che è dovuto diventare più competitivo ma anche più attento e oculato.

Poi, nel 2020, è successo l’inimmaginabile, con la pandemia da Covid-19 e i contraccolpi sulla fragile economia italiana. Il terribile 2020 è stato, se possibile, peggiore soprattutto per l’artigianato e le piccole imprese: 4 imprese su 5 sono finite in rosso; tutti i comparti hanno subito perdite e vivono difficoltà per la mancanza di liquidità; alcuni settori che più hanno sofferto le chiusure forzate, il distanziamento sociale e la drastica riduzione dei consumi, come i servizi in genere e quelli alla persona in particolare, dell'artigianato e del commercio di prossimità, della ristorazione e del turismo, hanno avuto perdite che si sono avvicinate al 100%"

La Cna, sottolinea Odoardi, si è mossa per sostenere le imprese associate, come punto di riferimento in un momento molto difficile, con politiche rivolte al mondo della micro impresa che siano fatte di sostengi concreti, senza accontentarsi di impegni e promesse da parte della politica, specie se una tantum.

"Non è rinviabile una vera e propria rivoluzione basata su tre semplici principi: autocertificazione, misure a favore dell’iniziativa imprenditoriale, chiarezza e semplicità normativa. A noi artigiani servono misure specifiche, non interventi a taglia unica pensati e costruiti solo a misura della grande industria, come nel caso dell’annunciata riforma degli ammortizzatori sociali"

Della nuova presidenza fanno parte Gianluca Carota (autotrasporto), Sara Mazzocca (Costruzioni), Stefano Di Giulio (Alimentari), Luciano Pierfelice (Grafica), Riccardo Colazilli (autotrasporto) e Linda D’Agostino (Telecomunicazioni).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cristian Odoardi confermato alla presidenza della Cna pescarese

IlPescara è in caricamento