Mercoledì, 16 Giugno 2021
Economia

Covid, Coldiretti lancia l'allarme: "In Abruzzo allevamenti in cortocircuito"

L'associazione sostiene che “nell’immediato bisogna garantire la sostenibilità finanziaria delle stalle con la responsabilità dell’intera filiera”

Coldiretti Abruzzo lancia l'allarme parlando di "allevamenti in cortocircuito" e ribadisce l’emergenza delle stalle abruzzesi in cui il prezzo dei mangimi e dei cereali destinati ad uso zootecnico "è cresciuto di oltre il 20%, con i prezzi del latte bovino all’origine che non superano invece i 37 centesimi al litro e avevano già avuto un crollo di 2 centesimi con l’inizio dell’emergenza sanitaria (passando da 39 a 37 centesimi)".

L'associazione ricorda che in Abruzzo c’è in gioco "un settore che conta oltre 60mila capi bovini, di cui 15.000 vacche da latte e oltre 500 aziende specializzate nella produzione di latte bovino che garantiscono occupazione e prodotti controllati e di qualità: il rischio di chiusura si fa sentire e, quando una stalla chiude, si perde un intero sistema fatto di animali, di prati per il foraggio, di formaggi tipici e soprattutto di persone impegnate a combattere, spesso da intere generazioni, lo spopolamento e il degrado”.

Coldiretti Abruzzo conclude sostenendo che “nell’immediato bisogna garantire la sostenibilità finanziaria delle stalle con la responsabilità dell’intera filiera” e chiede "un piano di potenziamento o e di stoccaggio per le principali commodities, dalla soia al mais fino all’atteso piano proteine nazionale per l’alimentazione degli animali in allevamento per recuperare competitività al Paese rispetto ai concorrenti stranieri".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, Coldiretti lancia l'allarme: "In Abruzzo allevamenti in cortocircuito"

IlPescara è in caricamento