Giovedì, 21 Ottobre 2021
Economia

Coronavirus, l'appello della Cna alle giunte comunali: "Serve intesa con le imprese per le chiusure"

Il direttore provinciale della Cna Salce chiede la massima condivisione agli amministratori locali in merito alle scelte sulle restrizioni per locali e zone a rischio assembramenti

Coniugare salute dei cittadini con la sopravvivenza delle imprese ed attività economiche. La Cna, con il direttore provinciale Salce, lancia un appello agli amministratori locali a seguito del nuovo Dpcm del Governo che attribuisce ai sindaci il potere di stabilire orari per il coprifuoco e la chiusura di alcune zone a rischio assembramento.

L'obiettivo è arrivare a misure il più possibile condivise, ascoltando anche le associazioni d'impresa e gruppo d'interesse dei settori che potrebbero essere ulteriormente penalizzati e colpiti dalle chiusure:

"Le imprese, da quelle che erogano servizi alla persona a quelle della ristorazione, non avrebbero né meritato né sopportato ulteriori limitazioni alle loro attività, dopo aver chiuso per mesi prima, e applicato con zelo e attenzione poi, tutte le norme dettate dai vari provvedimenti varati da Governo e Regione contro la diffusione del virus"

Salce ricorda che da tempo l'associazione sollecitava maggiore concertazione nelle decisioni sottolineando come questo confronto, in questo particolare momento dell'emergenza, sia ormai necessario e non pià rinviabile soprattutto nelle realtà più grandi come Pescara, Montesilvano e Spoltore.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, l'appello della Cna alle giunte comunali: "Serve intesa con le imprese per le chiusure"

IlPescara è in caricamento