menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Contribuenti.it: "Nove fiorai su dieci non rilasciano lo scontrino"

In 9 casi su 10, i fiorai di Pescara non rilasciano lo scontrino fiscale esercitando abusivamente la professione. Il dato emerge dallo Sportello del Contribuente Abruzzo, che monitora costantemente l’evasione fiscale

In 9 casi su 10, i fiorai di Pescara non rilasciano lo scontrino fiscale esercitando abusivamente la professione. Il dato emerge dallo Sportello del Contribuente Abruzzo, che monitora costantemente l’evasione fiscale. Donato Fioriti, direttore per l’Abruzzo di Contribuenti.it, denuncia che “a Pescara, come in molti Comuni italiani, il 97,5% dei fiorai non pare rilasciare lo scontrino fiscale. Siamo pronti a stipulare un patto con i Comuni per stroncare l’evasione anche mediante l’uso dello scontrino Gratta Vinci e Parcheggia”.

La proposta è singolare ma fattibile, secondo Contribuenti.it. L’evasione fiscale, spiega Fioriti, "è ancora lo sport più praticato dagli italiani. Nelle discussioni di tutti i giorni, supera anche il calcio. Per combattere l'evasione fiscale, ma anche per rilanciare i consumi, l’idea dello scontrino Gratta e Vinci può funzionare". E' per questo che Contribuenti.it chiede all’assessore comunale al Commercio, Stefano Cardelli, che questo scontrino "venga istituito subito, in modo da poterlo utilizzare nel prossimo shopping natalizio. E, con il coinvolgimento del Comune di Pescara, si potrebbe inglobare anche un’ora di sosta gratis".

Contribuenti.it chiede, inoltre, all’assessore comunale ai Tributi Filippello l'istituzione dello "Sportello del Contribuente" per la lotta all'evasione fiscale presso tutti gli organi diretti e indiretti dell'amministrazione finanziaria.

Secondo i dati diffusi dallo Sportello Nazionale del Contribuente, 7 italiani su 10 chiedono più rigore nella lotta all’evasione fiscale: il 76% del campione giudica ancora insufficiente l’impegno del Governo nella lotta all’evasione fiscale, definendolo “poco” (45%) o “per niente efficace” (31%), a fronte del 26% di opinione contraria; un’azione inefficace è segnalata più diffusamente tra gli uomini (76% rispetto al 72% tra le donne), tra gli anziani (81%), e nel campione del Nord (81% rispetto al 74% nel Centro e al 61% nel Sud).
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento