rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Economia Penne

Il consorzio stabile Rilancio Vestino acquisisce la Vestina Global Service

Le parole del presidente Florio Corneli: "Operazione determinante per il futuro"

Il consorzio stabile Rilancio Vestino acquisisce la Vestina Global Service portando a termine un'importante operazione.
In questo modo viene raggiunto un duplice scopo: consolidare la struttura consortile e proiettarsi verso il futuro.

Venerdì 16 febbraio, l'assemblea dei soci ha deliberato l'acquisizione della Vestina Global Service srl, di Penne, studio per la fornitura di analisi e servizi tecnici con l’intendimento di trasformarla in società di ingegneria e rafforzare la presenza del consorzio sul mercato dell’edilizia.

La società Vestina Global Service, acronimo Vgs, oggi è forte di sette professionisti, ma il consorzio si sta già muovendo sul mercato per arrivare, almeno in prima battuta, a 12 unità. «L'operazione, che è determinante per lo sviluppo delle attività consortili, è stata approvata all'unanimità, con un solo astenuto: l'amministratore delegato della Vgs, per ovvi motivi», dice il presidente del consorzio Florio Corneli con evidente soddisfazione, «il consorzio si rafforza ulteriormente avendo conseguito anche la certificazione Soa per lavori che, nella categoria tipica dell’edilizia civile e industriale, supera i 5 milioni di euro. La Soa ci permetterà di concorrere per appalti pubblici di un certo rilievo. Ma alla certificazione sono interessate anche altre categorie di lavoro. Stiamo raccogliendo quanto seminato nei mesi scorsi, quando abbiamo abbandonato senza indugi la fase del superbonus per entrare in quella del mercato. Stiamo attivando diversi contatti, e per importi considerevoli, nell’area del cratere per la ricostruzione post-sismica, dove riscontriamo interesse anche da parte del mondo finanziario tanto che, a oggi, possiamo dire di disporre di supporti finanziari fino a 15 milioni di euro. Pensiamo di far partire entro marzo iniziative per circa 7/8 milioni di euro».

Lo scorso 29 giugno, il consorzio ha cambiato denominazione, da consorzio Rilancio Vestino ad, appunto, consorzio stabile Rilancio Vestino, confermando la presidenza a Corneli. Nel cda (consorzio di amministrazione) ci sono anche Pietro Paolo D'Annunzio, presidente di Scep, e Andrea Marrone della T&C. La direzione tecnica è affidata all’ingegner Ilario Lacchetta, che ha il compito di rendere esecutive le decisioni strategiche tracciate dall’assemblea e dal cda. Questa, nel dettaglio, l’offerta del consorzio stabile Rilancio Vestino: lavori di completamento o finitura di una costruzione: posa in opera di vetri, intonacatura, impermeabilizzazione, tinteggiatura, posa di pavimenti e rivestimenti interni ed  esterni, levigatura di pavimenti; lavori di carpenteria e muratura per finitura, costruzione di sottofondi per pavimenti, isolamenti interni ed esterni termoacustici; realizzazione di pavimenti industriali e similari in calcestruzzo armato; taglio cemento armato, taglio calcestruzzo e quant’altro per apertura di vani, porte, finestre, muri di contenimento, pareti, pilastri, travi e solai; lottizzazione di terreni per la realizzazione di complessi  immobiliari di fabbricati abitativi, industriali, commerciali,  artigianali e rurali.

Le aziende del consorzio stabile Rilancio Vestino: Agm, Arcobaleno Opere Edili, Della Volpe Franco, Di Iorio Mario, Di Zacomo Rinnova, Edil 4 Due, Edil 5,9, Egenia, Elettroglobal, Falegnameria Ruscitti, Gaetano Buffetti, Gelsumino Costruzioni, Life Project, Malachi, New Edil, Pavone Infrastrutture, Prp, Sg Edilizia, Scep, Sismex, T&C, Tecnodega, Tei, Top Impianti, Vecchiotti, Vestina Global Service.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il consorzio stabile Rilancio Vestino acquisisce la Vestina Global Service

IlPescara è in caricamento