menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Confindustria Abruzzo su un possibile nuovo lockdown: "Devastante per l'Abruzzo e per il Paese"

A parlare il presidente Marco Fracassi che evidenzia come la situazione sanitaria sia difficile ma una nuova chiusura generale sarebbe pesantissima

Un altro lockdown generale sarebbe devastante per l'economia abruzzese e dell'intero Paese. Ad affermarlo il presidente di Confindustria Abruzzo Fracassi, che interviene dopo il peggioramento del quadro sanitario anche nella nostra Regione, dove lo stesso presidente parla di problemi con i tamponi e con una sofferenza per le terapie intensive.

Fracassi evidenzia come nessuno possa permettersi un nuovo stop generale delle attività, e forse nei mesi scorsi con il quasi azzeramento dei contagi si è sottovalutata la situazione:

"In questi mesi c'è stato l'impegno nel sostenere la produzione, ma anche la riconversione verso i dpi e poi l'adeguamento alle misure di sicurezza del protocollo anti-Covid". Oggi rischiamo di finire in un collo di bottiglia, con il rischio di ripetersi delle attività produttive che sarebbe impensabile, senza contare che si avvicina gennaio quando scadrà il blocco dei licenziamenti e sarà un momento difficile per aziende e lavoratori".

Per Confindustria servono misure concrete dal Governo per stimolare l'economia ed infastrutture come la trasversalità tirreno adriatica che vadano ad inserirsi nel piano già presentato di potenziamento della rete ferroviaria fra Roma e Pescara.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento