menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'appello di Confesercenti al Comune: "Si chiuda via Battisti tutti i giorni, estensione Ztl anche ad altre zone"

La richiesta dell'associazione di categoria proviene dopo l'ultimo Dpcm che impone restrizioni maggiori a partire da oggi, martedì 13 ottobre, allo scopo di arginare il contagio da Covid-19 (Coronavirus)

La Confesercenti lancia un appello al Comune di Pescara affinché si possa tenere via Battisti aperta tutti i giorni con estensione della Ztl anche ad altre zone.
La richiesta dell'associazione di categoria proviene dopo l'ultimo Dpcm che impone restrizioni maggiori a partire da oggi, martedì 13 ottobre, allo scopo di arginare il contagio da Covid-19 (Coronavirus).

«Lo stop forzato a mezzanotte per la somministrazione da parte dei pubblici esercizi impone una riflessione al Comune di Pescara: per non uccidere definitivamente questa economia è necessario rafforzare il sistema delle chiusure al traffico e dei dehors. Si parta con la revisione del regime scelto per via Cesare Battisti: la chiusura nei soli giorni di venerdì e sabato è del tutto insufficiente a garantire la sopravvivenza di questa economia».

A dirlo sono Gianni Taucci, direttore provinciale di Confesercenti, e Francesco Silvestri, neo-presidente della Fiepet-Confesercenti, la federazione dei pubblici esercizi, dopo l’emanazione del nuovo Dpcm per arginare il contagio da Covid-19.

Questo quanto spiega Taucci: «In via Battisti ai residenti del tratto interessato dalla necessaria pedonalizzazione il Comune potrebbe proporre l’accesso gratuito al vicinissimo parcheggio dell’area di risulta, che dista poche decine di metri ma il provvedimento si rende indispensabile dal lunedì alla domenica dalle 17:30/18, riducendo al minimo i disagi per i residenti. E da via Battisti occorre ripensare anche la chiusura alle auto in determinate fasce orarie in più punti della città: senza influire negativamente sugli orari dei negozi, nelle ore serali chiediamo un piano specifico. Pescara ha una grande offerta di pubblici esercizi e il Comune ha la possibilità di salvare queste imprese con misure precise che dipendono solo dall’amministrazione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rustell: storia e origini degli arrosticini abruzzesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento