Economia

Nuovo appello di Confcommercio: "Riaprire subito e sostegni economici concreti dalla politica"

Il presidente di Confcommercio Pescara Danelli interviene in merito alla situazione riguardante le piccole imprese ed attività commerciali costrette alla chiusura prolungata e senza sufficienti sostegni economici

Servono risposte urgenti concrete, aiuti economici a fondo perduto e soprattutto la possibilità di riaprire subito, senza attendere ulteriori settimane che potrebbero portare alla sparizione di moltissime piccole imprese. A parlare è il presidente della Confcommercio Pescara Danelli, che lancia un nuovo appello alle istituzioni dopo quelli già fatti nelle scorse settimane in merito al lockdown ed alla crisi derivante dal Coronavirus.

Fino ad ora sottolinea che ci sono state tante promesse dalla politica ma pochi atti concreti, se non qualche centinaio di euro. La situazione per il commercio è drammatica ed i tempi d'attesa sono insostenibili:

.Servono immediatamente indennizzi a fondo perduto in proporzione al fatturato perso, contributi sul pagamento degli affitti, azzeramento della fiscalità locale e statale, blocco del pagamento delle utenze e riduzione delle stesse, allungamento del periodo di cassa integrazione. La tensione è alle stelle, la politica non può più tergiversare.

Confcommercio parla di ultimi decreti deludenti, mentre servono riaperture immediate e soldi sui conti correnti per pagare le spese ed iniziare a ripartire.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo appello di Confcommercio: "Riaprire subito e sostegni economici concreti dalla politica"

IlPescara è in caricamento