Economia

Confcommercio: orafi preoccupati per l'identificazione dei clienti

Gli orafi al dettaglio appartenenti a Confcommercio lanciano l'allarme sulle possibile ricadute della legge che imporrà dal 1 maggio l'identificazione dei clienti che fanno acquisti superiori ai 3.600 euro

Gli orafi al dettaglio appartenenti a Confcommercio lanciano l'allarme sulle possibile ricadute della legge che imporrà dal 1 maggio l'identificazione dei clienti che fanno acquisti superiori ai 3.600 euro.

“Chi fa acquisti importanti spesso desidera la massima riservatezza, un desiderio che non ha motivazioni di carattere fiscale. Se non la trova da noi, questa riservatezza, andrà a cercarla altrove." ha dichiarato Giuseppe Aquilino, presidente nazionale della Federdettaglianti Orafi/Confcommercio, con la possibilità che i clienti possano indirizzarsi verso Paesi con normative più semplici, danneggiando il fatturato delle aziende italiane.

Federdettaglianti chiede dunque di rinviare l'entrata in vigore della norma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confcommercio: orafi preoccupati per l'identificazione dei clienti

IlPescara è in caricamento