Domenica, 21 Luglio 2024
Economia

Come fare l’isee 2024 e accedere a tutti i bonus nuovi e in vigore

L’Isee (indicatore situazione economica equivalente) è un documento utile per accedere ad agevolazioni come reddito di emergenza, assegno di inclusione, bonus nido e assegno unico

In questi giorni per poter accedere ai bonus e alle agevolazioni finora percepite e per ottenerne di nuove, bisogna aggiornate l’Isee 2024. Come si fa? Qualcuno ha già ricevuto un messaggio, generalmente una email, direttamente dall’Inps, che avvisa che l’Isee è scaduto e che bisogna rinnovarlo. E si può fare in poche semplici mosse direttamente sul portale previdenziale.

L’Isee (indicatore situazione economica equivalente) è un documento utile per accedere ad agevolazioni come reddito di emergenza, assegno di inclusione, bonus nido e assegno unico universale ma anche per pagare meno le tasse universitarie o similari. Motivo per cui è fondamentale aggiornarlo e in breve tempo.

Come e dove ottenere l’Isee 2024

Bisogna innanzitutto compilare la Dsu, ossia la dichiarazione sostitutiva unica. Qui andranno inseriti dati anagrafici, redditi percepiti e situazioni patrimoniali del nucleo familiare.

La richiesta di Isee si può effettuare autonomamente online, direttamente sul portale Inps, oppure richiederla al Caf, al Comune di residenza o all’ente che eroga la prestazione sociale agevolata.

Documenti per l’Isee 2024

Quali documenti occorrono per compilare l’Isee 2024? Ne servono diversi, a meno che non siete già censiti dall’ente che eroga la prestazione. In particolar modo servono:

  • documenti di identità e codice fiscale dei componenti del nucleo familiare
  • contratto di affitto registrato in caso di residenza in locazione al momento della sottoscrizione della Dsu

I redditi da presentare sono quelli percepiti nel 2022, quindi:

  • modello 730 e/o modello redditi 2023 e per i dipendenti/pensionati modelli Cu 2023, riferiti ai redditi del 2022
  • certificazioni relative a redditi esenti da imposta o assoggettati a imposta sostitutiva o ritenuta a titolo di imposta
  • altra documentazione attestante compensi, indennità, trattamenti previdenziali e assistenziali, redditi esenti ai fini Irpef, redditi prodotti all'estero, borse e/o assegni di studio, assegni di mantenimento per coniuge e figli, compensi erogati per prestazioni sportive dilettantistiche, somme percepite da enti musicali, filodrammatiche e similari etc...
  • dichiarazione Irap per imprenditori agricoli
  • valore del patrimonio netto per le imprese individuali in contabilità ordinaria al 31/12/2022
  • sentenza di separazione o divorzio con l’indicazione dell’eventuale assegno di mantenimento per i figli

Patrimonio mobiliare e immobiliare:

  • documentazione attestante il valore del patrimonio mobiliare: depositi bancari e/o postali, libretti di deposito, titoli di stato, obbligazioni, azioni, bot, cct, buoni fruttiferi, fondi di investimento, forme assicurative di risparmio e qualsiasi altra forma di gestione del patrimonio mobiliare, anche detenuto all'estero.
  • tipologia (esempio: conto, conto deposito, deposito vincolato etc) e numero identificativo del rapporto patrimoniale, codice fiscale dell'istituto bancario o società di gestione del patrimonio, data di apertura ed eventualmente di chiusura dei rapporti patrimoniali.
  • saldo e giacenza media annua riferita a depositi bancari e/o postali (estratti conto trimestrali e/o mensili)
  • per lavoratori autonomi e società: patrimonio netto risultante dall'ultimo bilancio presentato ovvero somma delle rimanenze finali e dei beni ammortizzabili al netto degli ammortamenti
  • certificati catastali, atti notarili di compravendita, successioni, e/o altra documentazione sul patrimonio immobiliare, anche se detenuto all'estero (fabbricati, terreni agricoli, aree edificabili). Valore IVIE dell'immobili detenuti all'estero.
  • atto notarile di donazione di immobili (solo per le richieste di prestazioni sociosanitarie residenziali)
  • certificazione della quota capitale residua dei mutui stipulati per l'acquisto e/o la costruzione degli immobili di proprietà
  • certificazione inerente altra attività finanziaria posseduta al 31/12 /2022.
  • targa o estremi di registrazione al P.R.A. e/o al R.I.D. di autoveicoli e motoveicoli di cilindrata pari o superiore a 500cc, di navi e imbarcazioni da diporto.

In caso di disabilità bisogna presentare la certificazione della disabilità (denominazione dell'ente che ha rilasciato la certificazione, numero del documento e data del rilascio) ed eventuali spese pagate per il ricovero in strutture residenziali (nell'anno precedente la presentazione della Dsu) e/o per l'assistenza personale (detratte/dedotte nella dichiarazione dei redditi del secondo anno precedente a quello di presentazione della Dsu).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come fare l’isee 2024 e accedere a tutti i bonus nuovi e in vigore
IlPescara è in caricamento