Nuove misure anticontagio da Covid-19, la Cna Pescara chiede confronto permanente con le istituzioni

È quello che chiede Carmine Salce, presidente della Cna Pescara

Un confronto permanente con le istituzioni sulle nuove misure anticontagio da Covid-19 (Coronavirus).
È quello che chiede Carmine Salce, presidente della Cna Pescara

Il numero 1 provinciale della Cna chiede «un tavolo di confronto permanente con le istituzioni locali, per adeguare in tempo reale le misure di salute pubblica da adottare, sensibilizzando imprese e cittadini. Perché occorre aumentare da parte di tutti la soglia di attenzione, e prevenire una ripresa incontrollabile della pandemia. Sapendo che un nuovo lockdown non è riproponibile, perché sarebbe davvero il colpo di grazia per tante attività che ancora stentano a riprendersi dopo le chiusure della scorsa primavera».

Per Salce «i nuovi provvedimenti decisi dal Governo nei giorni scorsi per tentare di contenere i contagi vanno interpretati con senso di responsabilità da parte di cittadini e imprese, come quelle commerciali e artigianali, esercenti della ristorazione in testa, che hanno un rapporto continuo e ravvicinato con la popolazione. Ognuno deve fare la propria parte, in nome di una responsabilità collettiva da cui nessuno può chiamarsi fuori: dunque, rispetto di misure come indossare la mascherina, rispettare le distanze, evitare assembramenti».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine il presidente di Cna Pescara auspica però anche «un adeguamento alla nuova situazione da parte del sistema sanitario, con l’estensione e l’ampliamento degli strumenti messi a disposizione per la diagnostica attraverso la medicina territoriale» propone un confronto costante con le principali istituzioni locali, perché «devono capire che la sola azione di repressione e l’emissione di ordinanze, pur importanti, non basta. Associazioni d’impresa, gruppi di interesse ed altre realtà possono svolgere invece un’efficace e capillare azione di informazione sia con i cittadini che con i propri iscritti, in modo da rendere sempre più consapevole dei problemi la maggior parte della popolazione e le imprese».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, scatta la protesta a Pescara: corteo da piazza Muzii fino al Comune

  • SuperEnalotto bacia l'Abruzzo con una maxi vincita: centrato il "5" da 100.375,95 euro

  • Maxi frode e corruzione all'Uoc di Cardiochirugia di Chieti: arresti anche a Pescara

  • Coronavirus, Marsilio firma nuova ordinanza: "Didattica a distanza per scuole superiori e università"

  • La provocazione di un cittadino: "Da domani, in macchina, percorrerò le piste ciclabili"

  • Coronavirus, centinaia di persone in coda a Pescara in attesa del tampone: rischio contagio [FOTO]

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento