Sabato, 13 Luglio 2024
Economia

Il cementificio cambierà volto, i dettagli del progetto da 100 milioni di euro

L’impianto di progetto si ispira alle navi da crociera, riportando lo schema produttivo dalla navigazione, attracco in diverse città e visita, alla fruizione turistica di interi territori

La Netlab srl fornisce a IlPescara.it il rendering e i dettagli del progetto "La porta d'Abruzzo" con cui il cementificio cambierà volto, il tutto per uno stanziamento di ben 100 milioni di euro. Nel 2018 la struttura di via Raiale è stata acquisita dalla Calbit srl di Roma, importante società del settore cementiero che voleva rimetterla in attività per la produzione di clinker, cioè un componente per il prodotto finale. Dopo aver avuto contatti con tutte le istituzioni regionali, a cominciare dal Comune di Pescara, la Calbit ha preso atto della concreta impossibilità di rimettere in funzione il sito produttivo e, pertanto, ha incaricato Netlab di studiare e proporre un progetto di ristrutturazione urbana e produttiva del sito, che fosse sostenibile sia economicamente che dal punto di vista ambientale.

L’impianto di progetto si ispira alle navi da crociera, riportando lo schema produttivo dalla navigazione, attracco in diverse città e visita, alla fruizione turistica di interi territori. E così il previsto "terminal turistico" sarà un centro di accoglienza, gestione, smistamento, intrattenimento e servizio per i turisti che sceglieranno via web di fare, appunto, "una crociera" in Abruzzo, scegliendo tra i pacchetti offerti in rete dalla società di gestione e formati da tutte le opportunità turistiche presenti nella nostra regione e nei territori limitrofi in un raggio di circa 200 km, per passare una settimana o anche periodi più lunghi durante l’intero anno, in alta e bassa stagione.

Per garantire meglio la viabilità ci saranno anche alcuni collegamenti con altre infrastrutture, quali l’Aeroporto d’Abruzzo, l’aeroporto di L’Aquila, la stazione ferroviaria di Pescara, i porti di Pescara e Ortona, il porto di Termoli e la rete autostradale. Per quanto riguarda la mobilità sostenibile, la piastra pedonale è collegata alla pista ciclabile che corre lungo il fiume, e consente di raggiungere la riviera nord e sud, innestandosi quindi alla ciclovia adriatica esistente e prevista. 

Il livello 1

Partendo da Est, il livello 1 avrà la hall principale, con la scala mobile che porterà ai livelli 2 e 3, gli ascensori e le scale, che arriveranno al livello 4 con il blocco dei servizi igienici, l’area dei locali tecnici, accessibili anche dall’esterno, e gli uffici delle società di affitto di monopattini, bici, moto ed auto. Dalla hall si accederà altresì alla zona di sosta delle moto in affitto e all’area di sosta breve dei minibus, dei van, delle auto a noleggio con conducente e dei taxi.

Il livello 1 terminerà con la hall ovest, anch’essa comunicante con il parcheggio, che avrà accesso dal lato corto ovest e avrà di fronte una sosta bus rapida di 3 stalli. Ci saranno anche un auditorium e un ostello, mentre l’area libera su via Raiale verrà adibita a verde attrezzato di notevole estensione, fruibile dal quartiere assieme alla grande area verde del parco fluviale, connesso al terminal. Sull’area corrispondente ai locali tecnici del livello 1 ci saranno invece i locali per la scuola di formazione continua degli operatori interni ed esterni alla Sdg, cioè tutti coloro che hanno il compito di fornire i servizi ai turisti.

La hall Ovest, oltre al blocco dei collegamenti verticali, avrà uffici dedicati alle istituzioni territoriali e agli imprenditori locali, per la gestione delle attività svolte per la Porta d’Abruzzo, oltre che alle società che gestiscono gli eventi ed i convegni, e a quella che gestisce le attività culturali dell’auditorium e dell’anfiteatro, assieme alla Casa della Musica comunale. Gran parte del livello 2 sarà occupato dal parcheggio, al quale si accederà dalle due Hall anche a questo livello.

L'ostello, l'auditorium e l'anfiteatro

Il livello 3 sarà il cuore del Terminal, perché rappresenterà il punto di accoglienza e la base dei servizi di scambio culturale tra gli ospiti e il territorio oggetto della crociera: area attrezzata per il relax e la sosta, in attesa del check-in, del check out o dell’avviamento all’attività programmata o libera; reception gestita da operatori multilingue; ristorazione tipica nelle sue varie declinazioni locali; ostello (sul lato Ovest), composto di 30 camere con bagno di tipo self, accessibile sia dai collegamenti verticali della hall Ovest che dalla galleria. L’ostello sarà dedicato agli ospiti che fanno escursioni di gruppo, trekkers, bikers e motobikers soprattutto, e devono in generale partire in piccoli gruppi ad orari di primo mattino, in modo da facilitare la logistica alla Sdg. 

Il livello 4 sarà dedicato alle attività di svago per i turisti di tutte le età, ai convegni e all’auditorium. In particolare, dagli ascensori e scale della Hall est si accederà all’area gioco dei bimbi e alle attività dedicate ai più grandi: palestra, Spa, sala gaming, biblioteca, discoteca e balera. L’auditorium sarà una grande struttura di circa 2.500 metri quadrati oltre ai servizi, alta 8 metri, in grado di ospitare ogni sera spettacoli di intrattenimento di routine o speciali, a disposizione dei turisti e dei cittadini.

Si prevede poi la costruzione di un anfiteatro in terra che ospiterà circa 2.000 spettatori per spettacoli di ogni natura nella buona stagione e sarà ben integrato con il progetto del parco fluviale, in corso di definizione. Di rilievo l’Abruzzo Bio Farm, la struttura produttiva che deve ospitare l’attività agricola idroponica in ambiente controllato ed è un fabbricato ospitato su via Raiale, di fronte al terminal, al quale è collegato da una passerella aerea. L’ultima attività produttiva prevista è un grande campo fotovoltaico, costruito sulle coperture del terminal e della bio farm, con circa 20.000 metri quadrati di fotovoltaico ad alto rendimento.

Progetto cementificio "La porta d'Abruzzo"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il cementificio cambierà volto, i dettagli del progetto da 100 milioni di euro
IlPescara è in caricamento