Pronto un investimento di 200.000 euro per le strutture sanitarie di Penne e Atessa

Durante l'ultima riunione della CamCom Chieti-Pescara si è deciso di contribuire alla creazione di nuovi posti letto. I soldi serviranno ad attivare, in 15 giorni, 30 posti letto Covid, a bassa intensità di cura, nel reparto di Medicina del San Massimo

CamCom Chieti-Pescara, pronto un investimento di 200.000 euro per le strutture sanitarie di Penne e Atessa.

Durante la riunione di ieri pomeriggio (24 marzo) si è deciso di contribuire alla creazione di nuovi posti letto negli ospedali di Penne e Atessa. I soldi serviranno ad attivare, in 15 giorni, 30 posti letto Covid, a bassa intensità di cura, nel reparto di Medicina del San Massimo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Stiamo continuando a lavorare giorno e notte per contrastare questa emergenza”, commenta il presidente Gennaro Strever. “Di fronte ad un vacillamento del sistema sanitario nazionale e regionale è giusto che il pubblico, laddove può, intervenga subito e con risorse economiche ed organizzative concrete. Grazie ad una gestione corretta del nostro bilancio e ad un’amministrazione capace, abbiamo la possibilità di avere a disposizione somme ingenti per poter agire con tempestività laddove c’è più bisogno”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Controlli nelle case per verificare se si è residenti: "Non aprite la porta, è una truffa"

  • Coronavirus in Abruzzo, calano i contagi: 52 nuovi casi, i dati aggiornati

  • All'ospedale di Pescara diagnosi in 3 minuti per le polmoniti da Covid19 grazie ad un software donato da Petruzzi

  • Coronavirus, il medico Staffilano: "Attenzione ai primi sintomi cardiologici post malattia”

  • Coronavirus, impennata di guariti in Abruzzo: 38 pazienti hanno superato il Covid-19 nelle ultime ore

  • Torna troppo tardi a casa dallo studio, avvocato multato di 550 euro dalla Guardia di Finanza

Torna su
IlPescara è in caricamento