rotate-mobile
Economia

Bonus acqua potabile, è stato prorogato anche per il 2023: cos’è e come richiederlo

Anche per quest’anno è stato prorogato il bonus acqua potabile. Vediamo di cosa si tratta e i requisiti per richiederlo

Anche per il 2023 è possibile usufruire del bonus acqua potabile. Si tratta di una misura economica per razionalizzare l’uso dell’acqua e ridurre il consumo di contenitori di plastica. Si può quindi richiedere il credito di imposta del 50% per sostenere l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione e raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica alimentare.

L’importo massimo delle spese su cui calcolare l’agevolazione è fissato a 1.000 euro per ciascun immobile, per le persone fisiche; 5.000 euro per ogni immobile adibito all’attività commerciale o istituzionale, per gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni e gli enti non commerciali.

Non ci sono limiti Isee per presentare la richiesta.

Le informazioni sugli interventi andranno trasmesse in via telematica all’Enea. I documenti necessari sono fattura elettronica o documento commerciale e il pagamento deve essere dimostrato con versamento bancario o postale.

L’ammontare delle spese agevolabili va comunicato all’Agenzia delle Entrate tra il 1° febbraio e il 28 febbraio dell’anno successivo a quello del sostenimento delle spese. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus acqua potabile, è stato prorogato anche per il 2023: cos’è e come richiederlo

IlPescara è in caricamento