Giovedì, 18 Luglio 2024
Economia Penne

Turismo, occupazione e attività sociali: oltre 100mila presenze nel 2022 all'oasi Wwf "Lago di Penne"

Tracciato dall'associazione e l'amministrazione il bilancio delle attività: numeri importanti che segnano una vera ripartenza per l'area vestina con importanti interventi di potenziamento previsti grazie ai finanziamenti del piano nazionale di ripresa e resilienza (pnrr)

Più di 100mila le presenze registrate nel 2022 nella riserva regionale "Lago di Penne", oasi Wwf. A fornire i numeri sono l'associazione e l'amministrazione comunale della città vestina. Un dato importante che per il territorio, profondamente colpito negli ultimi da anni da una serie di eventi drammatici, e che fa guardare al futuro con ottimismo. Dal covid che portò Penne ad essere uno dei primi comuni a finire in “zona” rossa, ai precedenti terremoti del 2009 e del 2016 che hanno lasciato le loro ferite, senza dimenticare la tragedia di Rigopiano nel 2017 e, ultime in ordine di tempo, la guerra in Ucraina e la crisi energetica, per tutta l'area gli ultimi tre anni sono stati caratterizzati da una forte riduzione degli effetti economici, turistici e sociali.

Nonostante questo la riserva, proprio in quest'ottica, sembra essersi davvero lasciata alle spalle gli effetti negativi con i numeri che sembrano destinati a crescere ulteriormente nei prossimi anni.

Oltre allo sviluppo del comparto turistico e naturalistico la riserva e oasi Wwf di Penne ha promosso negli ultimi anni il settore sociale e perfino l’occupazione, nelle aziende collegate lavorano oltre 60 dipendenti. L'occasione per il sindaco Gilberto Petrucci presenta all'illustrazione dei dati, per ribadire l'importanza della riserva e per annunciare il finanziamento di un intervento straordinario nelle strutture del Lapiss (Laboratorio per le aree protette e lo sviluppo sostenibile) e del Cea (Centro di educazione ambientale) Bellini per un importo di 550.000 euro nell’ambito del Pnrr servizi e infrastrutture sociali di comunità, dove su 2.186 progetti ammessi in tutta Italia, l’intervento nella Riserva di Penne si è classificato al numero 129 con 75 punti su 100.

L’agenzia turistica Wolftour ha fornito i primi dettagliati dati delle presenze turistiche del 2022: canoa canadese 1.250, parco avventura Collalto 1.500, attività mountain bike e eBike 4.000, trekking, nordic walking, hiking 10.000, orto botanico e area Lupi ibridi 5.000, fotografia naturalistica 500, visitatori spontanei 15.000, con un totale di 37.250 presenze.

Nel Centro di educazione ambientale “Antonio Bellini” il primo Cea riconosciuto formalmente dalla Regione Abruzzo, le presenze sono state complessivamente 20.123. Sono stati 2.778 le attività svoltesi nel centro diurno disabili;873 i seminari, i convegni e gli eventi di formazione; 240 le attività svoltesi nel centro estivo diurno; 5.970 gli appuntamenti con la ristorazione ed alti eventi e 10mila 262 gli ucraini passati per il centro di accoglienza (Cas) di Penne.

Quindi l'attività del Lapiss attivo da sette anni e ci cui fa parte il Centro di accoglienza straordinaria gestito da Cogecstre su incarico della prefettura di Pescara: nel 2022 le presenze sono state 19.357.

Altra attività quella volta dalla direzione della riserva regionale con il progetto Armonia messo in campo da vent'anni grazie ad una convenzione con la Asl e che accoglie 10 unità selezionate dai servizi sanitari: le presenze del progetto sono state 3.000. Nel 2023 si aggiungeranno anche 4 unità assegnate dal ministero in un progetto del servizio civile.

L’occupazione nella Riserva con 7 cooperative e strutture di servizio organizzate nella Rete Rica e il consorzio De Rerum Natura ha garantito da anni un lavoro stabile a 60 dipendenti, che ogni giorno operano all’interno dell’area protetta. Presenza annuale dei dipendenti: 18.000. A questa cifra va aggiunto il numero dei fornitori, clienti dei laboratori artigianali di falegnameria, mulini, edizioni e ai volontari che frequentano la Riserva in un minimo di 15 unità al giorno, con una presenza di clienti e fornitori pari a 4.500.

Sommando tutti i dati elencati si raggiunge il totale di 102.246 presenze nella riserva naturale oasi Wwf lago di Penne nel 2022.

A conclusione della Conferenza un gruppo di lavoro ha definito il programma per il trentennale della Rivista De Rerum Natura previsto il 31 gennaio e il 1 Febbraio 2022 con la proiezione inedita del Documentario dedicato a Fulco Pratesi, presidente onorario del WWF Italia, “Fulco, alla scoperta della biodiversità” di Fernando Di Fabrizi.

Alla presentazione dei dati erano presenti oltre al sindaco Petrucci, Nunzio Campitelli assessore comunale all’ambiente, il consigliere regionale Leonardo Daddazio, il presidente del parco nazionale Gran Sasso e Monti della Laga Tommaso Navarra, Fernando Di Fabrizio direttore della riserva lago di Penne, Dante Caserta responsabile affari legali e istituzionali del Wwf Italia, Filomena Ricci delegata Wwf Abruzzo, Osvaldo Locasciulli, responsabile Wwf lago di Penne, Antonio Stroveglia, presidente Wolftour, Roberto Mazzagatti ambasciatore del Parco Gsml, Barbarat Arrais presidente Samara e Loredana Di Blasio della Cogecstre.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo, occupazione e attività sociali: oltre 100mila presenze nel 2022 all'oasi Wwf "Lago di Penne"
IlPescara è in caricamento