Economia

I sindacati incontrano la Regione per i problemi dell'aeroporto d'Abruzzo: "Riunione interlocutoria"

Sul tavolo della discussione i problemi relativi alla perdita di voli e alla mancanza da oltre un anno di un direttore generale dello scalo

Una riunione interlocutoria. Così definiscono l'incontro dello scorso 13 settembre con la Regione riguardante l'aeroporto d'Abruzzo di Pescara i sindacati Cgil, Cisl, Uil Abruzzo Molise e le rispettive federazioni di categoria. 
«L’incontro con il sottosegretario D’Annuntiis, delegato ai Trasporti, e con l’Assessore D’Amario, a cui è affidata la responsabilità del Turismo, ha contribuito a riaffermare le criticità che attengono lo scalo aeroportuale abruzzese e la sua società di gestione. Positiva la condivisione di un confronto partecipato, ma ci aspettiamo risposte concrete a breve», commentano.

All’ordine del giorno 4 punti salienti: la riduzione di voli operati da Ita e Ryanair; la paventata ipotesi di esternalizzazione delle attività di handling e rampa; la nomina del nuovo direttore generale della Saga; il ruolo dello scalo regional e nel nuovo piano nazionale degli aeroporti.

Come fanno sapere dalle organizzazioni sindacali, «per quanto riguarda il primo punto, pur prendendo atto delle motivazioni addotte dagli esponenti della giunta che riconducono a scelte di natura commerciale (Ita) e di pressione nei confronti del governo centrale (Ryanair) le cause della riduzione dei voli, i sindacati hanno evidenziato la necessità di sostenere le ragioni del territorio attraverso azioni che possano produrre un recupero anche parziale delle rotte, registrando peraltro un nuovo e ulteriore taglio operato da Ryanair su Girona, ribadendo come anche l’individuazione di un nuovo direttore generale possa contribuire al raggiungimento degli obiettivi. La Regione Abruzzo ha rimarcato come siano in corso confronti e analisi con le compagnie interessate che potrebbero produrre effetti positivi anche a breve, mentre per quanto attiene la figura del direttore generale il sottosegretario D’Annuntiis ha annunciato che verrà individuato entro la fine del prossimo mese di ottobre». 

«Sui possibili effetti del nuovo piano nazionale aeroporti c’è una diversità di vedute: per le organizzazioni sindacali il tema rimane di stretta attualità e la posizione subalterna dell’aeroporto di Pescara nell’ambito del sistema infrastrutturale dell’Italia centrale continua a destare forte preoccupazione, malgrado la Regione non riscontri evidenze in tal senso. Ancora distanti le parti sulle tematiche del lavoro. Sulle ipotesi di esternalizzazione di attività oggi in capo alla Saga, la Regione ha chiesto tempo per una verifica accurata delle motivazioni che hanno indotto il Cda a paventare una simile scelta industriale. I sindacati, evidenziando perplessità sulla assenza di consapevolezza manifestata dalla Regione sugli indirizzi inerenti il piano industriale intrapresi dal Cda, che è espressione della proprietà, ovvero della stessa Regione Abruzzo proprietaria della quasi totalità del capitale sociale della Saga, hanno riaffermato l’assoluta contrarietà a qualsivoglia ipotesi di esternalizzazione, rimarcando il ruolo fondamentale dei lavoratori la cui dignità passa attraverso la tutela normativa e salariale sulla quale nessuno può permettersi di fare cassa».

Il prossimo 22 settembre ci sarà un incontro tra la Saga e le rappresentanze aziendali con al centro il nuovo piano industriale e le ricadute sul fattore lavoro. A valle dello stesso, avendo condiviso l’importanza del tema, è già stato programmato un nuovo incontro con il sottosegretario D’Annuntiis e con l’assessore D’Amario.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I sindacati incontrano la Regione per i problemi dell'aeroporto d'Abruzzo: "Riunione interlocutoria"
IlPescara è in caricamento