rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Economia

Cresce del 15,6% nel 2021 l'acquisto di beni durevoli in Abruzzo

I dati sono stati diffusi dall'osservatorio Findomestic e la nostra regione è quella del centrosud ad aver avuto il maggior incremento nell'ultimo anno

Gli abruzzesi nel 2021 hanno incrementato in modo importante l'acquisto di beni mobili e durevoli. A dirlo l'osservatorio Findomestic che ha analizzato i dati relativi alle spese effettuate nella nostra regione per questo genere di beni, con un aumento del 15,6% su base annua rispetto al 2020, anno comunque condizionato fortemente dai timori e dalle restrizioni dovute alla pandemia. L'Abruzzo è la regione del centrosud con il maggior incremento di spesa, pari a 1,4 miliardi di euro. di spesa totale.

Claudio Barazzi, responsabile osservatorio Findomestic:

“Il settore della mobilità registra incrementi della spesa superiori alla media nazionale in tutte le categorie: +8,5% (vs +6,5% della media) per le auto nuove (322 milioni complessivi), +13,7% (vs +12,7%) per le usate (341 milioni), +29,1% (vs +23,6%) per i motoveicoli (39 milioni). Ma è nel mobile che si tocca il livello di spesa più elevato con 337 milioni di euro spesi nel 2021, il 20,9% più dell’anno precedente (valore più alto del sud Italia). Sono 118, invece, i milioni destinati dagli abruzzesi all’acquisto di elettrodomestici (+19,5%), 62 i milioni spesi per acquistare TV e Hi-Fi (+32,5%) e 47 per l’information technology che dopo due anni da protagonista rallenta la sua corsa registrando un incremento del +1,5% in Abruzzo contro il +3,6% in Italia. Crescita doppia, invece, per la telefonia che in regione segna a fine 2021 un +17,1% (in Italia +9,3%) per una spesa totale di 134 milioni di euro”.

Analizzando i dati a livello provinciale, al primo posto troviamo L’Aquila (16,1%) e Teramo (16%) rispetto a Pescara (15,4%) e Chieti (15,2%). La spesa è aumentata di 400 euro in più, nelle famiglie abruzzesi, rispetto al resto del centrosud, ma 197 euro in meno rispetto alla media nazionale.

La provincia di Pescara ha chiuso il 2021 al 69° posto in Italia per livello di reddito pro-capite (17.473 euro, +5,6%), la stessa posizione in classifica occupata per spesa complessiva in beni durevoli: 339 milioni di euro, in crescita del 15,4%. A Pescara le auto nuove valgono 82 milioni di euro, l’8% in più rispetto al 2020 e quelle usate 80, il 12,9% in più. Per i motoveicoli sono stati spesi 12 milioni (+26,6%). Tra i beni per la casa spiccano i mobili (78 milioni di euro, +21,2%) seguiti dagli elettrodomestici (27 milioni, +20%) e l’elettronica di consumo (15 milioni, +36,1%). Nel segmento “telefonia” il volume di acquisti ha raggiunto i 34 milioni di euro (+18,7%), mentre nell’information technology si fermano a 12 milioni, in aumento del 2%.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cresce del 15,6% nel 2021 l'acquisto di beni durevoli in Abruzzo

IlPescara è in caricamento