Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Economia

Ha 103 anni ed è gravemente malato ed infermo, ma l'Inps gli nega l'invalidità

Una storia assurda riguardante un ex vigile urbano di Pescara di 103 anni, che si è visto per una serie di problematiche burocratiche ed amministrative negare il diritto all'invalidità civile

Ha 103 anni, è gravemente malato ed allettato da tempo, ma nonostante questo l'Inps gli ha negato per ora l'invalidità civile. E' l'assurda storia di Mario Della Guardia, ex vigile urbano, di Pescara impossibilitato ad uscire di casa, che tramite le figlie aveva chiesto l'invalidità civile per poter usufruire delle visite mediche a domicilio.

La prima domanda viene inoltrata nel novembre 2016 con il medico della Asl che è andato a casa dell'anziano verificando che non era trasportabile, e per questo aveva diritto ad una visita domiciliare. Poco dopo però l'Inps ha avvisato la famiglia che i documenti richiesti erano stati smarriti. Il genero si reca dal medico di base che fornisce un nuovo certificato che attesta le condizioni dell'anziano, consegnato direttamente all'Inps questa volta senza però ottenere alcuna ricevuta.

Pochi giorni fa l'Inps tramite il medico dell'apposita commissione fa sapere che, dopo aver esaminato il caso, l'anziano non ha i requisiti per la visita a domicilio. Della Guardia è assistito 24 ore da una badante. Del caso si è occupato anche il deputato di SI Melilla, che ha presentato un'interrogazione al Ministero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ha 103 anni ed è gravemente malato ed infermo, ma l'Inps gli nega l'invalidità

IlPescara è in caricamento