rotate-mobile
Cultura

Con il Florian c'è il Marameo Festival: quattro giorni di teatro per bambini

Dal 19 luglio nella zona dell'obelisco dell'auditorium d'Annunzio tante letture e spettacoli per i più piccoli e le loro famiglie per parlare di ambiente e natura: si parte con I tre porcellini

Il Florian Metateatro non si ferma e dal 19 luglio avvia la stagione teatrale riservata ai più piccoli con il “Festival Marameo-Storie di terra e mare”: quattro giornate ricche di spettacoli e letture per i piccoli e le loro famiglie. Un modo diverso per parlare di ambiente e natura attraverso visioni fantascientifiche, favole classiche e miti, e anche uno sguardo al mondo del cinema e dei cartoni animati tanto cari ai bambini e alle bambine.

Festival Marameo - Florian

Si parte dunque con il primo spettacolo martedì 19 luglio. Uno spettacolo per i più piccoli, i bambini di 4 anni, cui sarà raccontata la nota storia de “I tre porcellini” portata in scena dalla compagnia abruzzese “I guardiani dell’oca”, storico gruppo conosciuto ormai in tutta Italia per l’evento di teatro ambientato nei boschi con la Festa internazionale degli gnomi. Dalla loro creatività coadiuvati da grandi pupazzi e attori, la storia dei tre porcellini aprirà il Festival, preceduta dalle letture da una delle attrici storiche del Florian, Emanuela D’Agostino con i suoi Racconti per “Uomini e dei”. Si prosegue mercoledì 20 luglio, con la storia di “Teste fini” e la voce di Serena Di Gregorio, e lo spettacolo “Area 52” del gruppo romano La compagnia della settimana dopo, che lavora da tempo sulla sperimentazione del clown teatrale e sull'arricchimento e la commistione del linguaggio clownesco con diverse tecniche e discipline: la musica, la comicoterapia, l'mprovvisazione, le tecniche di animazione teatrale ed il teatro di figura. “Area 52” è un divertentissimo spettacolo di clown teatrale che mescola musica dal vivo eseguita con clarinetto, voce, loopstation e il “magico” theremin, strumento musicale elettronico che non prevede il contatto con il musicista. Giovedì 21 luglio sarà una giornata all’insegna della Natura: i Racconti a teatro vedranno Anna Paola Vellaccio narrare i “Racconti della Lavanda” . Per poi proseguire alle 18.30 con "Il Mago del Grano”, per bambin? dai 5 anni, dello storico Teatro Potlach di Fara Sabina, una realtà teatrale nata nel 1976, nel piccolo centro della provincia di Rieti, che diviene il centro della loro ricerca artistica internazionale verso le culture performative europee, asiatiche e latinoamericane. Lo spettacolo si sposa con la tematica ambientale e molto attuale, protagonista la piccola Linda, cresciuta tra i canti della mietitura, in un’epoca in cui i contadini si trovano costretti ad abbandonare le campagne a causa dell’alternarsi della siccità e delle piogge torrenziali, che rovinano ilraccolto. Inizia così il suo viaggio attraverso terre lontane alla ricerca del chicco d’oro, capace di sopravvivere a tutte le intemperie.

Il festival Marameo si chiuderà nel pomeriggio di venerdì 22 luglio con i racconti di un altro attore storico del Florian, Alessio Tessitore, con “A memoria” alle 18 e lo spettacolo della compagnia degli Alcuni di Treviso, alle 18.30 rivolto ai bambini dai 5 anni in più. Protagonista Leo da Vinci, con lo spettacolo che racconta la storia di come è nato e come è stato realizzato il personaggio basato sul giovane genio fiorentino Leonardo da Vinci, ambientato nello studio di due autori di cartoni animati: il presuntuoso capo disegnatore e il suo assistente. Film che effettivamente la compagnia ha realizzato con una produzione internazionale, uscito con successo nei cinema italiani ed europei: “Leo da Vinci – Missione Monna Lisa”. Sergio Manfio, regista del film sarà in scena nello spettacolo teatrale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Con il Florian c'è il Marameo Festival: quattro giorni di teatro per bambini

IlPescara è in caricamento