La storia di Pescara vista con gli occhi dei bambini della scuola "Mariele Ventre" [FOTO]

Al progetto hanno partecipato 22 bambini della terza sezione guidati dalle maestre Maria Gabriele e Patrizia Mele

La storia di Pescara e dei suoi personaggi celebri visti con gli occhi dei bambini.
Questa l'essenza del progetto didattico di plesso intitolato “Il mio territorio…colori, suoni e sapori” e realizzato, nell’anno scolastico che sta per concludersi, nella scuola dell’infanzia “Mariele Ventre”, appartenente all’Istituto Comprensivo Pescara 2 diretto dal dirigente scolastico Mariagrazia Santilli.

Al progetto hanno partecipato 22 bambini della terza sezione guidati dalle maestre Maria Gabriele e Patrizia Mele.

I piccoli hanno approfondito alcuni temi relativi alla nostra città come la storia, l’identità, i personaggi, i monumenti e la fisionomia del capoluogo adriatico partendo dal quartiere che ospita la “mia casa” per arrivare ai luoghi simbolo del capoluogo adriatico, in un variegato viaggio a cavallo tra ieri e oggi. 

Il lavoro è stato sviluppato seguendo cinque filoni tematici:

  • la Pescara della Fortezza; 
  • la Pescara della pineta; 
  • la Pescara del fiume e del mare; 
  • la Pescara di Castellamare;
  • la Pescara del Gran Premio. 

E così, tra stemmi e loghi da colorare, riproduzioni a mano libera di scorci urbani del passato e della Pescara moderna e simpatici ritratti di personalità della politica, dell’arte e della letteratura che hanno lasciato il segno nella storia cittadina, gli alunni hanno dato libero sfogo alla propria creatività, facendo la conoscenza di San Cetteo, Gabriele D’Annunzio, Giacomo Acerbo, i marchesi d’Avalos, Vittoria Colonna, Ennio Flaiano e imparando a riconoscere per strada Palazzo di Città, Palazzo dei Marmi, l’ex Aurum, la vecchia stazione, i trabocchi, la Nave di Cascella, il Ponte del Mare e il Ponte Flaiano, le Torri Camuzzi, la cattedrale, le chiese e i musei.

Questo quanto spiegano le due maestre:

«Le nostre fonti sono stati alcuni libri presi in prestito in biblioteca, volumi portati dai genitori e informazioni trovate sul web. Anche se a volte abbiamo proposto attività al di sopra delle abilità tipiche dei 5 anni, la classe ha partecipato al percorso didattico con interesse ed entusiasmo, mettendoci talvolta in difficoltà con tantissime curiosità su aspetti secondari e poco conosciuti che risultano importanti solo agli occhi dei bambini. La soddisfazione più grande è sapere dalle famiglie che ora, quando si va a spasso insieme per la città, sono i più piccoli a fare da Cicerone».

Potrebbe interessarti

  • Cosa sono le case di riposo e dove si trovano a Pescara e provincia

  • La scienza spiega perché le zanzare pungono soprattutto alcune persone

  • Come richiedere il certificato di Nascita a Pescara

  • Pericolo zecche: come riconoscerle e difendersi

I più letti della settimana

  • Maurizio Vandelli e Shel Shapiro in concerto gratuito per la festa di Sant'Andrea

  • Aeroporto, tre nuovi voli da Pescara per raggiungere le crociere di Costa: ecco quali

  • L'autopsia non chiarisce le cause del decesso di Tiziano Paolucci, morto in strada dopo una lite

  • Annullato il concerto di Jovanotti a Vasto, la proposta del centrosinistra: "Il Jova Beach Party a Pescara"

  • Pausini e Antonacci in concerto a Pescara, strade chiuse e divieti in zona stadio

  • Incidente stradale tra un'auto e uno scooter, in gravi condizioni una ragazza di Pescara

Torna su
IlPescara è in caricamento