Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cultura

Al referendum del 2 giugno 1946 l'Italia scelse la Repubblica, ma in Abruzzo vinse la Monarchia

Sul sito del Ministero dell'Interno è possibile consultare gli archivi storici delle consultazioni referendarie ed elettorali, riguardanti anche il referendum del 2 giugno quando gli italiani scelsero la Repubblica

Ieri 2 giugno l'Italia ha festeggiato i 75 anni della Repubblica, una ricorrenza importante per il nostro Paese legata al referendum istituzionale che si tenne proprio in quella data nel 1946, che passò alla storia anche per essere la prima consultazione politica nazionale in cui potevano votare le donne.

Il risultato finale fu la vittoria della Repubblica con il 54,3% dei voti, e la Monarchia con il 45,7% delle preferenze. In Abruzzo, però, il dato complessivo della cosiddetta "Circoscrizione L'Aquila - Teramo - Pescara - Chieti" fu in controtendenza rispetto all'andamento nazionale, con la vittoria della Monarchia che ottenne il 53,2% superando la Repubblica con il 46,78% dei consensi. Gli elettori aventi diritto erano 740.747, ma votarono 648.932 abruzzesi pari all'87,61%. I voti validi furono 611.992.

Analizzando anche i dati elettorali delle singole province, si scopre però che l'Abruzzo fondamentalmente era spaccato a metà: da una parte le province di Chieti e L'Aquila dove vinse la Monarchia, mentre nel Pescarese e nel Teramano ebbe la meglio la Repubblica. A Pescara capoluogo, infine, vinse la Repubblica con il 54,26% dei consensi a fronte del 45,74% dei voti ottenuti dalla Monarchia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al referendum del 2 giugno 1946 l'Italia scelse la Repubblica, ma in Abruzzo vinse la Monarchia

IlPescara è in caricamento