Una poesia e un quadro dedicati alla frazione di Vestea [FOTO]

Nicola D'Angelo e sua moglie Romina Galgano hanno in comune la passione per l'arte e condividono, oltre ai sentimenti, anche i ricordi dell'infanzia. Il piccolo borgo di Civitella Casanova rappresentato in versi e in un dipinto

Nicola D'Angelo

È "una ragnatela di emozioni". Così la definisce il critico letterario Massimo Pasqualone, riferendosi alla poesia scritta dal graduato dell'Arma dei Carabinieri, Nicola D'Angelo, e dedicata alla frazione di Vestea, dove il Maresciallo ha trascorso la sua infanzia. Il testo, intitolato "Su quel crinale, il Paradiso", è un tuffo nel passato, tra ricordi nostalgici e la consapevolezza di un tempo che non esiste più e che lascia il posto ai cambiamenti inevitabili di luoghi, abitudini e stili di vita.

Questi versi si sposano alla perfezione con il dipinto di Romina Galgano, pittrice e moglie del colto militare. che ritrae il paesaggio panoramico del borgo così come si presentava alle origini, nel 1923, stando ai racconti dei nonni di Nicola D'Angelo, Ermanno ed Esterina e dello zio Nicolino ai quali l'autore fa omaggio del suo manoscritto.

Su quel crinale il Paradiso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva da Montesilvano il primo gel igienizzante per le mani multiuso al 98% naturale

  • Per il Tg1 l'Abruzzo diventa "#zonarozza": la gaffe spopola sul web

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Furto d'identità a Pescara, il caso finisce a "Le Iene" [VIDEO]

  • Cerbiatto corre sul lungomare sud di Pescara, il video fa il giro del web

  • La cabina di regia mette l'Abruzzo in zona rossa, c'è l'annuncio di Speranza

Torna su
IlPescara è in caricamento