menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pescara, primo corso di formazione per operatori della sicurezza

Partono, per la prima volta in Abruzzo, i corsi professionali per gli "assistenti alla sicurezza", i cosiddetti "buttafuori", organizzati da Sial Security, si terranno a Francavilla al Mare

E' la prima concreta applicazione del Decreto Maroni del 6 ottobre 2009, nonchè la prima esperienza in Abruzzo, seconda in Italia solo al Veneto. Stiamo parlando della "Scuola Nazionale di Alta Formazione per la Sicurezza Personale ed Ambientale", ma anche dei corsi professionali per gli "assistenti alla sicurezza", un tempo noti come buttafuori. Un percorso che parte da Pescara e che si concretizzerà in 110 ore di lezione, al termine delle quali verrà rilasciato un attestato indispensabile per chi, da oggi in poi, voglia esercitare la professione di addetto alla sicurezza nei locali pubblici.

"Si tratta di un passaggio epocale – spiega Marco Camplone, giornalista, uno dei docenti del corso – in quanto non è solo questione di terminologia (da buttafuori ad assistente alla sicurezza) ma anche e soprattutto di acquisizione di competenze finora ignorate in materia di security. Basta fare riferimento a qualche episodio di cronaca in cui il buttafuori è spesso citato nella movida pescarese come figura aggressiva piuttosto che di prevenzione alla violenza. Si tratta sovente di “buttafuori improvvisati” e sotto forma di lavoro nero. L’importante è che finalmente possa crearsi una filiera della sicurezza efficiente e funzionale contro il malcostume".

Il corso, organizzato da Sial Security, si terrà nella sede di Iser srl in via Adriatica Sud 93/c a Francavilla al Mare, e prevede la discussione di un esame al termine delle lezioni. È già possibile iscriversi recandosi nella sede Sial di Pescara in piazza Marina 2/4, oppure telefonando ai numeri 348/1234674 e 085/4503241. "La prevenzione alla violenza con tecniche di comunicazione interpersonale – aggiunge il dottor Mauro Di Cola – è frutto dell’esperienza. Per questo è necessario creare una catena di controllo con tali acquisizioni".

L'Ingegner Francesco Zuccarini sarà il docente di spicco del corso. L'art. 3 del Decreto Maroni recante "Determinazione dei requisiti per l'iscrizione nell'elenco del personale addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi, le modalità per la selezione e la formazione del personale, gli ambiti applicativi e il relativo impiego, di cui ai commi da 7 a 13 dell'art. 3 della legge 15 luglio 2009 n. 94" richiama il ruolo delle Regioni e Province Autonome nell'organizzazione dei corsi di formazione del personale addetto ai servizi di controllo, in attuazione da quanto disposto dalla legge 15 luglio 2009, n. 94.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento