rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cultura

Una pescarese cura la mostra interattiva per la Settimana della lingua Italiana a Bogotà

La 38enne Lucia Zappacosta è l’ideatrice e curatrice di “Predizioni. L’Italiano nella rete tra Big Data e Intelligenza Artificiale”, che verrà inaugurata mercoledì 17 ottobre. Le installazioni saranno visibili fino al 2 novembre

La 38enne pescarese Lucia Zappacosta è l’ideatrice e curatrice della mostra interattiva per la Settimana della Lingua Italiana nel Mondo “Predizioni. L’Italiano nella rete tra Big Data e Intelligenza Artificiale”, che verrà inaugurata mercoledì 17 ottobre alla Hall de Exposiciones dell’Università Jorge Tadeo Lozano di Bogotà

L'esposizione presenta le opere di Ilaria Biotti, Sebastián Contreras e il collettivo internazionale di digital artist Foose. Le installazioni saranno visibili fino al 2 novembre.

I temi della mostra saranno inoltre approfonditi con talk e presentazioni per avviare un confronto tra esperti dei due Paesi: tra gli argomenti trattati vi è la Datacrazia. Previsto inoltre un approfondimento su come la Rete condiziona la lingua e il nostro modo di raccontare il mondo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una pescarese cura la mostra interattiva per la Settimana della lingua Italiana a Bogotà

IlPescara è in caricamento