Cultura Colli / Via del Santuario

È uscito "Lacrima", il primo disco di inediti di Andrea Pimpini

Oggi, 6 dicembre, è uscito l'album di debutto del cantautore pescarese. La tracklist è formata da 12 brani, prodotti, arrangiati e registrati da Leonardo Campanella: "Abbiamo lavorato 4 mesi e ci siamo divertiti molto"

Oggi, venerdì 6 dicembre, è uscito “Lacrima”, il primo disco di inediti di Andrea Pimpini, cantante emergente di Pescara. La tracklist è formata da 12 brani, prodotti, arrangiati e registrati da Leonardo Campanella. I testi sono di Andrea Pimpini, che spiega:

“L'idea di fare un disco c'era già da tempo ma per vari motivi non ho mai avuto modo di lavorarci. Questa estate, invece, ho conosciuto Leonardo Campanella, produttore e arrangiatore abruzzese, che mi ha aiutato a realizzare questo sogno. Abbiamo lavorato 4 mesi alla realizzazione di “Lacrima” e ci siamo divertiti molto”.

Nella tracklist di “Lacrima” è presente anche “Maledetta realtà”, il primo inedito di Andrea mai registrato in studio ma presentato live in occasione del Castle Fondi Music Festival 2018 e del Festival Romics 2018. A proposito di 'Maledetta realtà', Pimpini spiega:

“Questa è la prima canzone che ho scritto e non inserirla nel disco sarebbe stato un grosso errore. Ricordo bene l'emozione che provai cantandola per la prima volta dal vivo al Romics... Spero tanto di poterla presentare ancora in qualche live”.

Di seguito alcune curiosità su tre brani di Andrea Pimpini:

“VORREI AVERTI QUI” - “Una volta ho conosciuto una ragazza simpaticissima. La prima cosa che ho notato è stato il suo sorriso. Così la sera, dopo essere tornato a casa, ho scritto 'Vorrei averti qui'... È l'unica canzone d'amore presente nel disco che mi riguarda da vicino”. 

“NEVE BIANCA” - “Neve bianca è magia e speranza. Mentre scrivevo questa canzone ho immaginato un bambino che, seduto vicino alla finestra della sua camera, vede, attraverso i lampioni, la neve... quella neve che il giorno dopo ritroverà sopra ogni cosa a vestire di bianco il mondo”.

“STELLA” - “Un giorno Leonardo Campanella, produttore del disco, mi ha fatto sentire un arrangiamento orchestrale che durava 6 minuti. Era fantastico! Volevo inserirlo sin da subito nel disco ma senza testo. Per me infatti era perfetto così, avevo paura di rovinarlo. Leonardo, però, mi ha convinto a metterci sopra delle parole... Abbiamo fatto una via di mezzo, per i primi tre minuti ci canto poi il resto del brano lo lascio agli strumenti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

È uscito "Lacrima", il primo disco di inediti di Andrea Pimpini

IlPescara è in caricamento