menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La ferrovia Roma-Pescara nel monologo di Valerio Aprea a 'Propaganda Live' [VIDEO]

L'attore, ironizzando sull'approdo di Perseverance su Marte, ha fatto una riflessione semi-seria in cui ha preso a pretesto le polemiche che in questi casi non mancano mai, perché c'è chi vorrebbe che il progresso procedesse sempre in maniera omogenea per tutti

La ferrovia Roma-Pescara è finita questa sera nel monologo di Valerio Aprea durante la trasmissione televisiva di La7 'Propaganda Live'. L'attore, infatti, ironizzando sul recente approdo di Perseverance su Marte, ha fatto una riflessione semi-seria in cui ha preso a pretesto le polemiche che in questi casi non mancano mai, perché c'è chi vorrebbe che il progresso procedesse sempre in maniera omogenea per tutti.

A quel punto Aprea ha deciso di menzionare la linea ferroviaria che collega la nostra città alla Capitale e che già in passato è finita al centro delle cronache nazionali per la sua estrema lentezza ("4 ore", ha ricordato l'artista). Così, in un crescendo di situazioni paradossali, Aprea è arrivato a citare una fantomatica cagnetta di nome "Freghete" e la stazione di Sulmona, concludendo che l'astronauta Armstrong "il 20 luglio 1969, dopo un viaggio di 2 ore e 6 minuti, toccava il marciapiede del binario 1 alla stazione di Pescara dicendo: è un piccolo passo per un uomo, ma un grande passo per i pendolari abruzzesi".

Chiaro riferimento alla famosa frase legata allo sbarco sulla luna. E a tale proposito anche per il treno Roma-Pescara, ha concluso Aprea, "alcuni diffusero l'ipotesi che le immagini dello sbarco fossero false e che il video fosse stato girato da Stanley Kubrick, che per l'occasione aveva acquistato un terratetto a Montesilvano".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento