Giocatore e arbitro di baseball in Usa, la storia di Dave Pallone originario di Sant'Eufemia a Maiella

Pallone è originario del Pescarese, infatti suo padre Carmine era nato da una famiglia originaria di Sant'Eufemia a Maiella

Si chiama Dave Michael Pallone e, oltre a essere stato un ottimo giocatore e arbitro di baseball professionistico negli Stati Uniti,  è divenuto un testimonial importante delle diversità essendo dichiaratamente gay.  
Pallone è originario del Pescarese, infatti suo padre Carmine era nato da una famiglia originaria di Sant'Eufemia a Maiella.

A raccontarci la sua storia è Geremia Mancini, presidente onorario dell'associazione “Ambasciatori della fame”:

"Dave Michael PalloneE nacque a Waltham, nel Massachusetts, il 5 ottobre del 1951. Il padre Carmine era nato in provincia di Pescara da una famiglia originaria di Sant’Eufemia a Maiella. Suo padre, Carmine Pallone, era un operaio e anche un grande appassionato dei Boston Braves. Mentre era ancora giovanissimo a Carmine fu offerto un contratto dai St. Louis Browns, ma erano gli anni della Grande Depressione, e suo padre gli proibì di accettarlo e lo convinse a fare il raccoglitore di verdure. Anni dopo, Carmine, riversò sul figlio Dave tutta la sua passione per il baseball e gli insegnò a lanciare fino a farlo diventare un giocatore dei Red Sox. Dave Pallone, da adolescente, lanciava pensando di realizzare il sogno insoddisfatto del padre. Diceva sempre : "voglio renderebbe orgoglioso il mio papà". Dave Pallone esordì all'età di 19 anni nella “New York-Penn League” nel maggio del 1971. Successivamente, nel 1973, giocò nella “Carolina League”. In seguito giocò nella “International League”. Poi nel 1979, in seguito ad un sciopero degli arbitri della “Major League”, fu chiamato a ricoprire proprio il ruolo di arbitro. In questo ruolo conquistò una notevole affermazione e divenne ancora più noto. Sarà, per oltre dieci anni, arbitro nella “Major League Baseball-All Star” e poi nella “National League Championship Series”. Proverbiale il suo decisionismo che lo portò, più volte, a duri contrasti con giocatori ed allenatori. Rimane, nella memoria del baseball, il furibondo scontro con Pete Rose. Nel settembre del 1988, dopo un articolo pubblicato dal “New York Post” che metteva in luce la sua omosessualità, Dave Pallone fu costretto a dimettersi. In realtà Pallone dice di essere stato cacciato dalla MLB: " cercarono di camuffare la vera ragione e il vero motivo. Ero gay e non volevano macchiare l'immagine “macho” del baseball”. In seguito Dave Pallone scrisse la sua autobiografia,  “Behind the Mask: My Double Life in Baseball”, che divenne un best-seller. Oggi, Dave Pallone, oltre a partecipare a numerose trasmissioni televisive e scrivere articoli é un importante testimonial delle varie diversità (per aziende, college, università e società sportive). Nel 2013 é stato inserito nella “National Gay and Lesbian Sports Hall of Fame”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • Oddo dopo l'esonero dal Pescara cita Pirandello

  • Diego Armando Maradona e l'Abruzzo, ecco la foto con lo chef Quintino Marcella

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

Torna su
IlPescara è in caricamento