rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cultura Montesilvano

Parte da Montesilvano una raccolta fondi per i bambini del Rwanda

L'imprenditore italo-svedese Daniele Kihlgren ha lanciato, durante un incontro all'hotel Serena Majestic, una campagna di crowdfunding per la cura delle malattie ad alta mortalità nell'Africa sub-sahariana

Operativa in Rwanda da dieci anni, Sextantio No Profit è nata da un’idea dell’imprenditore italo-svedese, noto per aver rigenerato il patrimonio culturale di Santo Stefano di Sessanio. Dalle sue numerose esperienze in Africa a dalla considerazione di come in questo continente si muoia troppo spesso per malattie facilmente curabili, Kihlgren (che dal 1994 abita in Abruzzo) ha tratto l’impulso per dare vita alla onlus mettendo a disposizione le proprie risorse.

Sextantio No Profit è partita nel 2008 con un progetto pilota che garantisce l’assistenza sanitaria a 8.000 rwandesi. Nel 2011, consolidatasi in tutto il Paese africano, la squadra di volontariato di Kihlgren arriva a coprire 161.000 beneficiari (pari al 30% circa degli indigenti impossibilitati a pagarsi l’assicurazione). Negli ultimi anni Sextantio No Profit ha potuto erogare un numero minore di assicurazioni sanitarie e adesso sta lanciando un’operazione di crowdfunding trasparente e tracciabile.

Crowdfunding: www.generosity.com/medical-fundraising/health-insurance-by-sextantio
Sito della onlus: www.sextantionlus.org

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parte da Montesilvano una raccolta fondi per i bambini del Rwanda

IlPescara è in caricamento