Cultura Montesilvano

Parte da Montesilvano una raccolta fondi per i bambini del Rwanda

L'imprenditore italo-svedese Daniele Kihlgren ha lanciato, durante un incontro all'hotel Serena Majestic, una campagna di crowdfunding per la cura delle malattie ad alta mortalità nell'Africa sub-sahariana

L’imprenditore Daniele Kihlgren, fondatore della onlus Sextantio No Profit, ha lanciato da Montesilvano una raccolta fondi per la cura delle malattie ad alta mortalità nell’Africa sub-sahariana, e per la precisione in Rwanda. Presso l’hotel Serena Majestic, infatti, si è tenuta un’iniziativa all’insegna della solidarietà patrocinata dal Comune di Pescara (era presente anche l'assessore Giuliano Diodati). Protagonista dell’evento è stata appunto la Sextantio No Profit, che per l’occasione ha organizzato un aperitivo solidale e presentato una campagna di crowdfunding per la cura delle malattie ad alta mortalità nell’Africa sub-sahariana.

«Con la campagna di crowdfunding – ha spiegato Daniele Kihlgren – Sextantio No Profit si pone l’obiettivo di pagare l’assicurazione sanitaria agli indigenti del Rwanda che non possono permettersela». L’aiuto si concentrerà nell’Isola di Nkombo (aiutando 6.847 persone per un costo di 26.500 USD), anche se l’ambizione è quella di coinvolgere nel progetto l’intero Paese, «come abbiamo fatto parzialmente con un impegno che dura da 10 anni – prosegue l’imprenditore – aiutando le persone deboli e vulnerabili a migliorare il loro accesso alle cure sanitarie. In Africa si muore ancora per malattie curabili. Con un piccolo contributo, la popolazione indigente del Rwanda potrà accedere alle cure per le malattie comuni che, altrimenti, sono spesso mortali».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parte da Montesilvano una raccolta fondi per i bambini del Rwanda

IlPescara è in caricamento