Sabato, 13 Luglio 2024
Cultura

La cultura come leva per il turismo, si lavora alla rete museale Mupe: presto la brochure e la app per scoprire tutta l'offerta in città

L'assessore Maria Rita Carota convoca il primo tavolo di confronto e annuncia le prossime iniziative, si ragiona anche sulla scontistica con la card dei musei o a una formula con “biglietto unico”.

Migliorare l'accesso e la fruizione dei musei della città creando una vera e propria rete ad essa dedicata e cioè il Mupe.

È uno dei principali obiettivi che con il Dup (Documento unico di programmazione) si è dato l'amministrazione e in particolare l'assessorato alla cultura Maria Rita Carota che proprio per discuterne ha convocato un primo tavolo di confronto tra soggetti pubblici e privati che i musei li guidano e cui hanno preso parte anche i dirigenti e i funzionari dei settori promozione della città e innovazione. Prima dell'estate, annuncia, la prima delle iniziative cui si sta lavorando e cioè la brochure unica illustrativa sul sistema museale cittadini con una sezione dedicata ad ognuno di loro e insieme l'offerta relativa agli eventi che vi si svolgeranno. Il secondo passo su cui si sta già lavorando, fa quindi sapere l'assessore, è la app digitale con cui si punta a fornire ai turisti e i visitatori una visione a 360 gradi sugli itinerari culturali fornendo anche indicazioni di mapping su come muoversi in città con i mezzi di trasporto e raggiungere tutti i luoghi di interesse, musei inclusi.

“Lo scopo che intendo perseguire come assessore alla Cultura con l’aiuto e la disponibilità di tutte le parti presenti al tavolo – dichiara -, è quello di valorizzare l’offerta culturale della città perché crediamo che questo possa rappresentare un volano per la crescita del territorio e delle persone, aspetto su cui questa amministrazione sta puntando in modo particolare. Sono molto soddisfatta del fatto che tutte le strutture presenti a Pescara abbiamo partecipato all’incontro e abbiamo accolto con favore la linea che l’amministrazione ha fissato per dar vita a questa rete museale”.

Tra i presenti al confronto i responsabili e i rappresentanti del museo dell'Ottocento, dell'Imago Museum, del Mediamuseum, del Museo Paparella-Treccia, del Clap-Museum, del museo civico Basilio Cascella e del museo delle Genti D'Abruzzo.

“I riscontri sono molti positivi – continua Carota - perché mi è parso sia stata recepita l’importanza di mettere insieme tutte le risorse senza depauperare nessuno rispetto alla propria particolarità ma attivando, al contrario, un effetto moltiplicatore. Non ci si fermerà solo alla brochure e all’app digitale perché, tra le altre possibilità, vogliamo creare un’informazione unica anche grazie a qr-code disseminati in città e sulle postazioni online del Comune. Puntiamo dunque a confermare e a implementare i risultati positivi ottenuti lo scorso anno con 'La Notte dei Musei' all’interno del programma del festival dannunziano”.

Sul tavolo anche la scontistica sull'acquisto dei biglietti. Si pensa ad una “filiera promozionale” per cui al momento dell’acquisto del primo biglietto per una qualsiasi iniziativa culturale museale si acquisisce il diritto a una specifica scontistica per l’accesso alle successive strutture. Una volta che il piano andrà a regime, è presumibile si possa giungere a una card dei musei o a una formula con “biglietto unico”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La cultura come leva per il turismo, si lavora alla rete museale Mupe: presto la brochure e la app per scoprire tutta l'offerta in città
IlPescara è in caricamento