rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cultura Città sant'angelo

Consegnato a Città Sant'Angelo il premio internazionale Mario Provino [FOTO]

A presiedere il premio, alla sua prima edizione, è stato chiamato il critico d’arte e letterario Massimo Pasqualone. Ecco tutti i vincitori

Questa mattina, nell’aula magna dell’università dell’Adriatico a Città Sant’Angelo, si è tenuta la cerimonia finale del premio internazionale Mario Provino per le arti, la letteratura e la cultura. A presiedere il premio, alla sua prima edizione, è stato chiamato il critico d’arte e letterario Massimo Pasqualone, che ha dichiarato:

"Abbiamo scelto personalità di primo piano nel panorama Nazionale tra Arte, Letteratura e Cultura, per ricordare un uomo straordinario, dedito al lavoro ed alla famiglia, integerrimo e attento ai fenomeni culturali ed imprenditoriali non solo locali”.

Questi i vincitori: Alberico Solimes, Angelo De Nicola, Elvira Venosi, Daniela Manelli Trionfi, Nicola D’Angelo, Antonietta Di Santo, Sofonia Palestini Sofonia, Paolo Francesco Fracassi, Flavio Tursini, Massimo Perna, Ercolina Delle Monache, Tiziano Aldo Tiberii, Claudio Cirinei, Stefano Giovannone, Orietta Spera, Nicola Granata, Rossella Caldarale, Elisabetta Grilli, Rosella Cardella, Fausto Roncone, Elio Lucente, Annamaria Di Lorenzo, Marilena Santomaggio, Giovanna Favoriti, Roberto Selvaggi, Salvatore Monopoli, Nicola Trosino, Alberto Amoroso, Matteo Giannese, Vera Barbonetti, Sara Leone, Cristina Spennati, Stefania Barile, Rosella Carloni, Carlo Masci, Paolo Colitti, Gianfranco De Massis, Alessandro Taddei, Alfonso Lovito e Angelo Raffaele Margiotta.

"È stata un'esperienza bellissima - ha commentato la figlia di Provino, Elisa - penso che perdere un genitore sia una delle cose più brutte della vita e non si è mai pronti. Poi onorarlo in questo modo come abbiamo fatto noi credo che sia la cosa più bella che si possa fare. Parlo a nome della sede di Città Sant'Angelo dell'università Ecampus e a nome della mia famiglia, è stata un'emozione bellissima, penso che mio padre abbia gradito quello che abbiamo fatto per lui. L'iniziativa è nata in maniera molto semplice: conosco il professor Pasqualone, ci siamo parlati e abbiamo pensato di organizzare un premio da dedicare a mio padre che è morto a causa del Coronavirus. Ci siamo consultati in famiglia ed abbiamo pensato che era la cosa più bella da fare e l'abbiamo fatta per lui. Abbiamo pensato anche ad un altro premio, non solo sotto forma di targhetta ma anche economico, nel quale premieremo delle persone che rispondono a determinate caratteristiche che dobbiamo ancora individuare. Di questa cosa sono molto orgogliosa e molto contenta".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consegnato a Città Sant'Angelo il premio internazionale Mario Provino [FOTO]

IlPescara è in caricamento