menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Celato/Svelato", a Bolognano dal 13 luglio l'opera di Diego Esposito

L'appuntamento è per le ore 18:30 e a presentare l'evento sarà il giornalista Stanislao Liberatore

"Celato/Svelato". Questo il nome dell'opera pemanente dell'artista Diego Esposito che verrà inaugurata domani, sabato 13 luglio, a Bolognano, in provincia di Pescara, nell'azienda agricola Ciccio Zaccagnini.
L'appuntamento è per le ore 18:30 e a presentare l'evento sarà il giornalista Stanislao Liberatore. 

L’opera fa parte di un progetto che vede la collocazione, sempre in situ, di pietre dalle particolari caratteristiche. In questo caso la pietra di Pacentro delle antiche cave abruzzesi, è collocata su di un grande disco metallico, tagliata in due e orientata tra la montagna e il mare, elementi emblematici della natura del territorio. Sulle pareti della fenditura sono inseriti simmetricamente due quadrati: uno di tessere d’oro, irregolari e irradianti la luce spirituale a ricordo propiziatorio di antiche tradizioni della pittura (con la quale Diego Esposito si è anche recentemente confrontato all’Università degli studi di Teramo), l’altro in mosaico, con l’indicazione della stella polare a base pentagonale su fondo blu con l’inserimento del rosso e del giallo emblemi della produzione vinicola della terra che ospita l’intervento. La bianca pietra, il geometrico mosaico d’oro e di pasta vitrea, il blu del cielo e i colori della forte presenza naturale rinnovano rapporti e proporzionalità antiche poiché, come ci ricorda Diego Esposito, “ciascuno di noi non esiste come una sostanza autosufficiente, ma è un intreccio di relazioni in continua trasformazione”.

Nel 2004 Diego Esposito ha collocato un primo Celato/Svelato nel giardino storico di Yawaku della Kanazawa Art University di Kanazawa in Giappone. La pietra antica è tagliata in due parti e la fenditura, orientata Est-Ovest, ha sette inserti convessi di vetro di Murano, quasi una costellazione celeste che trova simmetria in altrettante lavorazioni concave della pietra sulla parete opposta della fenditura.

Celato/Svelato è la più recente realizzazione dell’artista che negli ultimi anni ha affiancato la produzione pittorica e scultorea con la realizzazione di una serie di opere in situ. Quali sono la serie di nove “Latitudine Longitudine”, opere intitolate con le coordinate geografiche, composte da grandi pietre provenienti da antiche cave locali, nelle quali l’artista inserisce uno specchio circolare convesso di acciaio inox rivolto al cielo, collocate in differenti luoghi del pianeta, dal Perù alla Russia, dall’Argentina al Giappone, dalla Francia alla Cina. Tre opere sono state collocate a Prato, a Venezia e a Teramo. Le opere registrano i mutamenti del cielo da diversi luoghi del globo terrestre, Una “famiglia terrestre” che sarà costantemente in comunicazione con la volta celeste nel segno di una “fratellanza cosmica”, come scrive l’artista.

L'opera sarà installata a partire da domani, sabato 13 luglio, per informazioni: Tel. +39 085.8880195 Fax: +39 085.8880155 Email: info@cantinazaccagnini.it

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Giardino

    Coltivare una lattuga dai suoi scarti: ecco come fare

  • Arredare

    Divano: come scegliere quello giusto senza errori

  • Arredare

    Bagno cieco: cosa serve per renderlo efficiente

Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento