menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abbateggio, presentata la monografia storica del paese

Si tratta del primo volume della collana editoriale “Identità storica”, voluta dalla Regione Abruzzo e frutto di ricerche di archivio approfondite

Una monografia storica su Abbateggio è stata presentata ieri, sabato 15 dicembre, nella sala Figlia di Jorio della Provincia di Pescara.
Si tratta del primo volume della collana editoriale “Identità storica”, voluta dalla Regione Abruzzo e frutto di ricerche di archivio approfondite, condotte con rigore scientifico sotto la guida attenta della Deputazione Abruzzese di Storia Patria.

A presentare il lavoro sono stati il sindaco Antonio Di Marco, il senatore Luciano D'AlfonsoWalter Capezzali, presidente Deputazione di Storia Patria, Gabriele Di Pierdomenico, coautore e la giornalista Gigliola Edmondo che ha presentato l’incontro.

Nel corso della presentazione, dopo gli annedoti e le curiosità sulla storia di Abbateggio illustrate da Capezzali e Di Pierdomenico, il primo cittadino ha parlato dei principali risultati delle indagini archeologiche condotte nel sito paleolitico di Valle Giumentina dall’École française de Rome e sul territorio comunale dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici d’Abruzzo (santuario di Ercole in località Colle di Gotte-Bivio di Abbateggio, chiesa altomedievale e medievale di Sant’Agata).

È stato anche ricordato come il piccolo borgo dimostrò la sua generosità all'epoca del terremoto del 2009 che colpì L'Aquila ospitando un centinaio di vittime del sisma. Illustrati, inoltre, i progetti futuri nel settore dell’archeologia da parte dell’amministrazione comunale, ai fini della valorizzazione del patrimonio archeologico e culturale esistente nel territorio di Abbateggio.

Queste le parole del sindaco Antonio Di Marco:

«È stato un bellissimo pomeriggio, che ha visto Abbateggio e la sua comunità protagonisti nel cuore della Provincia di Pescara. Una tappa importante per un Comune che da 15 anni ha ripreso in mano il proprio futuro; un’occasione di grande orgoglio, un vero e proprio momento di crescita, con cui abbiamo rinsaldato nella comunità di Abbateggiani, residenti in paese e in altri Comuni, legami comunitari e il senso di appartenenza e di origine con il proprio borgo alle pendici della Majella».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La torta della tradizione: come preparare la pizza doce

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento