menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zanni, sgomberate case popolari occupate da abusivi e riassegnate a nuovi inquilini

Sgomberati alcuni alloggi popolari occupati abusivamente a Zanni dai vigili urbani assieme a carabinieri e Polizia. Un alloggio è già stato riassegnato ad una donna che attendeva in graduatoria da 10 anni

Nuovi sgomberi da parte della Polizia Municipale, assieme a carabinieri, Polizia e Ater, di alloggi popolari occupati abusivamente in città.
Questa volta il blitz è scattato a Zanni, in Piazza 4 novembre. Due appartamenti sono stati sequestrati preventivamente in quanto erano occupati da due famiglie abusive, una delle quali straniera.

L'Ater ha subito rimesso a disposizione gli alloggi, assegnati ai legittimi destinatari. In particolare, una signora attendeva da 10 anni in graduatoria di poter finalmente avere una casa.

"Abbiamo voluto dare di persona a una delle assegnatarie la documentazione qui a Palazzo di Città, la signora era incredula di fronte ad un diritto che si perfezionava dopo circa dieci anni di attesa. Ci siamo trovati di fronte storie toccanti, realtà complesse, da entrambe le parti, che ci hanno motivato ancora di più a continuare un’attività volta al ripristino delle regole. Gli sgomberi di oggi seguono a un’attività in corso da febbraio: sono stati in tutto 18 gli sgomberi eseguiti con contestuale riassegnazione degli alloggi, l’ultima tranche nelle ultime settimane e fino a stamattina, una pratica che è diventata prassi per noi e che consente di dare una risposta efficacissima e preventiva per le occupazioni abusive" ha dichiarato l'assessore Sulpizio, aggiungendo che l'amministazione comunale si sta impegnando per cercare di sbloccare l'iter per la realizzazione di 64 nuovi alloggi popolari in via Trigno, a Rancitelli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento