rotate-mobile
Cronaca

Yelfri Guzman sta meglio: sciolta la prognosi, ne avrà per 60 giorni

Sono in fase di miglioramento le condizioni del cuoco 23enne che era rimasto ferito domenica scorsa, in piazza Salotto, da alcuni colpi di pistola

Yelfri Guzman sta meglio. Come infatti riporta l'agenzia di stampa Ansa Abruzzo, sono in una fase positiva le condizioni del cuoco 23enne che era rimasto ferito domenica scorsa, in piazza Salotto, da alcuni colpi di pistola sparati dal 29enne Federico Pecorale, all'interno del locale dove lavorava. I medici dell'ospedale "Santo Spirito" hanno sciolto la prognosi riservata, giudicando Yelfri guaribile in 60 giorni. Attualmente il ragazzo si trova nel reparto di Neurochirurgia e, appena possibile, verrà ascoltato dagli agenti della squadra mobile della questura di Pescara, che conducono le indagini.

Intanto il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Pesaro ha convalidato il fermo di Federico Pecorale, disponendo che l'uomo resti in carcere. Il 29enne deve rispondere di tentato omicidio aggravato dai futili motivi e porto abusivo d'arma. Nel provvedimento il gip parla di "elementi non equivoci che attribuiscono con un alto grado di probabilità entrambe le condotte dei delitti contestati a Pecorale. Allo stato tutto milita per individuare l'attentatore nel Pecorale atteso che fattezze, corporatura e abbigliamento dell'autore sono congruenti con quelli dell'indagato; la prova del secondo reato, stante l'esito della perquisizione può dirsi già totalmente raggiunta (fatti salvi gli accertamenti balistici)".

Secondo il gip, oltre al pericolo di fuga "sussiste pure il pericolo di non completare bene tutte le indagini con l'indagato libero perché sono ancora ignoti i motivi dell'azione e vanno completati gli accertamenti sui luoghi e preservati i potenziali informatori della polizia giudiziaria". Per il giudice "è grave il pericolo di reiterazione dei reati della stessa indole: al momento si può affermare che il grave fatto di sangue è maturato in un contesto totalmente eccentrico rispetto alla sequenza di avvenimenti".

Inoltre il gip nel provvedimento evidenzia: "Accresce l'allarme sociale il fatto che Pecorale, privo di autorizzazione, girasse armato e pronto a sparare. Raggela perché evoca particolare spietatezza anche il fotogramma del filmato che mostra l'uomo nell'atto di esplodere un colpo di pistola contro la persona offesa anche quando l'inserviente è già ferito a terra".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Yelfri Guzman sta meglio: sciolta la prognosi, ne avrà per 60 giorni

IlPescara è in caricamento