Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

Vigili del fuoco: 23mila interventi in Abruzzo nel 2022, la regione tra le più tranquille nella notte di Capodanno

Sei le operazioni di soccorso compiute nella notte di San Silvestro, meno che nella gran parte delle altre regioni italiane. Nel Paese gli interventi di soccorso nell'anno appena conclusosi sono stati 791mila 505: 60mila in più rispetto al 2021

Circa 23mila interventi di soccorso, ovvero 22 mila 909, quelli fatti durante tutto il 2022: sei quelli della notte di Capodanno che collocano la regione tra le “migliori” d'Italia. Sono questi i numeri, riportati dall'agenzia di stampa Dire, dell'attività svolta dai vigili del fuoco in Abruzzo a fronte di una media nazionale di 2mila 200 interventi al giorno e un'attività complessiva nel Paese, che si conta in 791mila 505 azioni di soccorso compiute dalle squadre dei vigili del fuoco: 60mila in più rispetto al 2021 quando se ne sono contati 727 mila 780.

Numeri importanti che ancora una volta ci raccontano del grande lavoro degli uomini dei vigili del fuoco che ogni giorno sono a lavoro per la nostra sicurezza e per la sicurezza dei luoghi che viviamo quotidianamente. In vetta alle situazioni in cui nel 2022 è stato richiesto il loro intervento ci sono, purtroppo, gli incendi insieme alle esplosioni per complessive 195mila 224 operazioni di soccorso. Seguono i soccorsi e i salvataggi che sono stati 165mila 559. Chiudono i dissesti statici con 49mila 028 interventi e gli incidenti stradali: 41mila 697 quelli in cui i pompieri sono intervenuti.

Il maggior numero dei soccorsi si è registrato in Lombardia con 82mila603 interventi. Seguono Sicilia (78mila 756) e Lazio (74 mila 676). Scorrendo la classifica nell'ordine si incontrano Campania (66mila 424 interventi), Emilia Romagna (64mila 589) Toscana (60mila 063), Piemonte (57mila 837), Puglia (47mila 662, Veneto e Trentino (44mila 165), Calabria (34mila 702), Marche (33 mila 998), Sardegna (30 ila 383) e Liguria (30mila 309). A chiudere la classifica quindi l'Abruzzo con i suoi 22mila 909 interventi di soccorso, il, Friuli Venezia Giulia che ne ha contati 22 mila 400 nel 2022, l'Umbria dove ce ne sono stati 20 mila 926, la Basilicata con 10mila 563 e il Molise con 8 mila 538.

Guardando alla sola notte di Capodanno in tutta Italia i vigili del fuoco tra la sera del 31 dicembre 2022 e la mattina del primo gennaio 2023 sono intervenuti 646 volte nella gran parte dei casi proprio per incendi dovuti ai festeggiamenti se così possono essere definiti in questo caso dato che, nella gran parte dei casi, si è dovuto intervenire per spegnere le fiamme nei cassonetti e a danno delle automobili parcheggiate. Anche in questo caso gli interventi sono aumentati: nel 2021 sono stati 558.

Il numero maggiore degli interventi di fine anno si è registrato in Emilia Romagna, dove sono stati 96. Seguono i 75 in Puglia, i 71 in Veneto e Trentino Alto Adige, i 57 in Campania, i 52 del Lazio, i 50 in Piemonte, i 47 in Lombardia, i 45 registrati sia in Liguria che in Toscana, i 31 interventi in Sicilia, i 26 in Sardegna, i 16 in Friuli Venezia Giulia, i 7 in Molise, i 6 in Abruzzo, i 5 in Umbria e i 4 in Calabria. Unica regione dove il Capodanno ha permesso ai vigili del fuoco di non uscire dalla caserma la Basilicata dove non è stato necessario alcun intervento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigili del fuoco: 23mila interventi in Abruzzo nel 2022, la regione tra le più tranquille nella notte di Capodanno
IlPescara è in caricamento