Cronaca Rancitelli / Via Lago di Borgiano

Via Lago di Borgiano: sieropositiva sfrattata dall'alloggio popolare, la denuncia di Acerbo

Il fatto è avvenuto stamane. Il consigliere regionale ha scritto al sindaco e al prefetto chiedendo loro di intervenire quanto prima: "Con quale logica si può pensare di far quadrare i conti delle Ater cacciando queste persone?"

Sfrattata dall’alloggio popolare di cui era assegnataria. E' successo questa mattina in via Lago di Borgiano. A farne le spese è stata una donna sieropositiva e affetta da sindrome Hiv da 24 anni. La notizia è stata diffusa dal consigliere comunale Maurizio Acerbo (Rifondazione Comunista), che ha spiegato:

“È vero che la cittadina è morosa, ma è anche vero che vive del magro assegno di invalidità di poco più di 200 euro. Presumo che la donna debba vestirsi, mangiare, pagare le bollette e che quindi il pur minimo canone non ce la faccia a pagarlo né a fare un piano di rientro rateizzandolo. Ma con quale logica si può pensare di far quadrare i conti delle Ater sfrattando questo tipo di persone?”.

Nonostante la cittadina abbia esibito un certificato medico attestante la sua condizione di salute – racconta Acerbo – l’ufficiale giudiziario ha comunque proceduto allo sfratto e ha richiesto l’intervento dei sanitari del 118, che hanno accertato la trasportabilità in ospedale. Dopo aver trascorso alcune ore al pronto soccorso, la donna è stata dimessa nel primo pomeriggio di oggi. Adesso Acerbo ha scritto al sindaco Mascia e al prefetto D'Antuono chiedendo loro di intervenire quanto prima.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Lago di Borgiano: sieropositiva sfrattata dall'alloggio popolare, la denuncia di Acerbo

IlPescara è in caricamento