Mercoledì, 29 Settembre 2021
Cronaca Farindola

Valanga Hotel Rigopiano: morto Stefano Feniello, la rabbia del padre

"Il prefetto ci ha detto che avevano individuato cinque persone vive delle quali lui aveva i nomi. Fra quelle persone mio figlio era il secondo della lista". È la testimonianza del padre del 28enne, morto sotto la slavina che ha travolto l'hotel Rigopiano

Francesca è stata recuperata viva, mentre del figlio di Feniello non si è saputo nulla per giorni: "Mi hanno dato la speranza e poi me l'hanno tolta. Io ho contato i minuti, ho guardato dentro ogni ambulanza che arrivava qui. Ho immaginato di abbracciare Stefano a ogni sportellone che si apriva. Prima che mi dicessero del suo nome in quella lista di sopravvissuti, io ero già morto al solo pensiero di sapere Stefano da qualche parte lassù. Mi hanno fatto rinascere e adesso è come se fossi morto di nuovo".

Poi "sono venuti a giustificarsi per l'errore, mi hanno spiegato, mi hanno detto che dobbiamo attendere e che in realtà non hanno nessuna notizia certa su Stefano". Il viceministro degli Interni, Filippo Bubbico, ha successivamente avuto un chiarimento con Alessio Feniello. Questo quanto dichiarato da Bubbico ai giornalisti: "Si continua a lavorare con grande determinazione, con grande forza, con grande professionalità e con ogni mezzo per trovare le persone che sono lì sotto. Noi continuiamo a coltivare speranza, così come abbiamo fatto quando c'era chi pensava che non ci fosse nessuna speranza".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valanga Hotel Rigopiano: morto Stefano Feniello, la rabbia del padre

IlPescara è in caricamento