Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Valanga Hotel Rigopiano: morto Stefano Feniello, la rabbia del padre

"Il prefetto ci ha detto che avevano individuato cinque persone vive delle quali lui aveva i nomi. Fra quelle persone mio figlio era il secondo della lista". È la testimonianza del padre del 28enne, morto sotto la slavina che ha travolto l'hotel Rigopiano

Stefano Feniello con la fidanzata Francesca Bronzi

Stefano Feniello, uno dei dispersi sotto la slavina che ha travolto l'hotel Rigopiano, è morto. Inizialmente il 28enne, originario del salernitano ma residente da anni a Silvi, era stato dato tra i sopravvissuti, poi il clamoroso dietrofront che ha generato la rabbia del padre Alessio: "Nessuna notizia, ci dicono che dobbiamo aspettare. Avevamo guardato troppo avanti con la speranza ma eravamo stati indotti a farlo, dopo quello che ci avevano detto venerdì sera". Questa la testimonianza di Alessio Feniello raccolta dal Corriere della Sera.    

"Sono venuti il presidente della Regione, il questore e il prefetto di Pescara a dirci una cosa precisa. Il prefetto ci ha detto: tutto quello che vedete sui media e quello che sentite dire non conta niente, vale solo quello che vi dico io. E ci ha detto che i lavori, lì sulla valanga, andavano avanti, che avevano individuato cinque persone vive delle quali lui aveva i nomi. Fra quelle persone mio figlio era il secondo della lista. La sua fidanzata Francesca Bronzi era al terzo posto".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valanga Hotel Rigopiano: morto Stefano Feniello, la rabbia del padre

IlPescara è in caricamento