rotate-mobile
Cronaca

Incassava più di 30.000 euro al mese con le truffe on-line, fermato dai Carabinieri

I militari dell'Arma di Pescara hanno arrestato un giovane residente in città: si tratta di un 32enne con precedenti. "Vendeva" motori per motoscafi, cerchi in lega per auto sportive nonché smartphone e videogiochi, ma in realtà non possedeva niente

Questa mattina i Carabinieri di Pescara hanno arrestato un 32enne del posto con precedenti, in ottemperanza all’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Tribunale del Riesame de L’Aquila, responsabile di una serie di truffe on-line.

Nello specifico, il giovane si era specializzato nel compimento di una serie di truffe servendosi della piattaforma di compravendite on-line “Subito.it”, dove pubblicava inserzioni di articoli di tendenza (tra cui motori per motoscafi, cerchi in lega per auto sportive nonché smartphone e videogiochi), da lui però non posseduti, a prezzi stracciati, con le quali riusciva ad incassare fino a oltre 30.000 euro in un mese.

Adescato il malcapitato acquirente, attirato dal “vantaggioso” affare, l’arrestato si faceva accreditare il compenso pattuito tramite ricariche su carte prepagate postali Postepay, ovviamente senza poi concretizzare la vendita.

Le indagini dei Carabinieri hanno portato alla luce anche un altro artifizio utilizzato dal truffatore, mediante il quale sperava di poter passare inosservato agli investigatori e continuare impunito nella sua azione criminosa: si serviva, infatti, di carte Postepay intestate a persone sempre diverse, soggetti evidentemente compiacenti - spesso tossicodipendenti - che dietro compenso in denaro richiedevano carte a proprio nome per poi di fatto consegnargliele.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incassava più di 30.000 euro al mese con le truffe on-line, fermato dai Carabinieri

IlPescara è in caricamento