Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Incassa soldi per l'affitto di case inesistenti: nei guai una donna di Pescara

La truffa ha riguardato 18 persone nel Bolognese. La donna incassava l'anticipo per bloccare l'affitto di case a Riccione dopo aver pubblicato annunci pubblicitari sul web, per poi sparire

Ha truffato almeno 18 persone con un falso ed accattivante annuncio di una casa vacanze a Riccione, incassando la caparra per poi sparire e diventare irreperibile. Nei guai è finita una donna di 42 anni denunciata dai carabinieri di Casal Maggiore. La truffa risale allo scorso inverno, con le denunce partite dai partite dai comuni di Castel Maggiore e Argelato, tutte con lo stesso copione.

Gruppi di amici che avevano deciso di affittare la casa a Riccione versando 410 euro di caparra, ed a quel punto la donna pescarese prendeva tempo fino a spegnere definitivamente il cellulare. I militari, avviate le indagini, hanno identificato la donna che avrebbe intascato in tutto 2.400 euro facendosi ricaricare una postepay poi risultata senza credito attivo. Ora i militari cercheranno di capire se ci sono altre vittime. L'annuncio era stato pubblicato su un portale considerato dai clienti affidabile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incassa soldi per l'affitto di case inesistenti: nei guai una donna di Pescara

IlPescara è in caricamento