rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca

Vende online aspirapolveri inesistenti, nei guai per truffa un pescarese

Il metodo di pagamento a disposizione degli acquirenti era la ricarica su una carta prepagata

Ha pubblicato sui principali siti online di annunci un'inserzione esca per la vendita di aspirapolveri a prezzi concorrenziali.
Il metodo di pagamento a disposizione degli acquirenti era la ricarica su una carta prepagata.

Poi partivano le trattative portate avanti tramite e-mail e messaggi su whatsapp e quando sulla carta prepagata.

Ma una volta accreditata la somma richiesta il venditore, un uomo di Pescara di 48 anni, spariva e non seguiva la spedizione dell’aspirapolvere pagato.

Come riferisce la Gazzetta di Reggio, il 48enne pescarese è stato però scoperto dai carabinieri della stazione di Reggio Emilia Santa Croce, i quali lo hanno denunciato per il reato di truffa dopo la denuncia presentata da un 34enne reggiano, caduto anche lui nella trappola.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vende online aspirapolveri inesistenti, nei guai per truffa un pescarese

IlPescara è in caricamento