menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trasferite all’Oasi del WWF di Penne le oche superstiti della Pineta

Le 11 oche superstiti della Pineta D’Annuziana saranno tenute sotto controllo nell’Oasi del WWF di Penne. L'ente che gestice la riserva naturale vestina ha dato la massima disponibilità ad ospitare gli animali che sono scampati alla morte a causa del botulino

Dopo che le analisi effettuate dall'Arta hanno confermato la presenza del botulino nelle acque del laghetto della Pineta Dannunziana, il WWF e LAV, oltre ovviamente all'amministrazione comunale di Pescara, si sono mossi per dare assistenza alle poche oche sopravissute.

Oggi, infatti, le 11 oche rimaste in vita saranno trasferite e tenute sotto osservazione nella Riserva Naturale dell’Oasi di Penne. I volontari del WWF sono subito intervenuti per dare assistenza ai poveri pennuti .

Nell’Oasi di Penne, gestita sia dal punto di vista operativo che dal punto di vista tecnico della cooperativa COGESTRE, le 11 oche sopravissute potranno riprendersi dalle scorie della tossina killer della Pineta D’Annunziana e restarvi tutto il tempo necessario.

Gli enti competenti e il Comune di Pescara, che, dovevano provvedere al mantenimento, alla cura e alla salvaguardia del Parco, ora si muoveranno per svuotare e bonificare il prima possibile la riserva nel cuore della città.

Ricordiamo che nelle acque del laghetto, oltre alla sostanza killer, è stato rivenuto uno strato di più di un metro composto da residui organici e feci.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento