Tenta di liberarsi di otto cuccioli di cane a Silvi

Un uomo residente a Silvi, ha tentato nei giorni scorsi di liberarsi di otto cuccioli di cane partoriti dalla sua cagna. Con una menzogna, si è presentato con gli animali davanti al Dog Village di Montesilvano, ma è stato scoperto e costretto a riprenderseli

Un uomo residente a Silvi, il giorno di ferragosto ha cercato di liberarsi di otto piccoli cuccioli di cane, che erano stati partoriti dalla sua cagna.

Si è presentato presso il Dog Village di Montesilvano, dove voleva lasciare i cagnolini all'interno di una scatola. Sosteneva di averli trovati davanti un cassonetto dei rifiuti, ma la guardia zoofila si è insospettita ed ha iniziato a fargli alcune domande, chiedendogli anche un documento.

L'uomo, visibilmente nervoso, ha detto di non avere con sè alcun documento, e di andare di fretta. Ma la guardia non ha ceduto ed ha chiamato i carabinieri di Montesilvano, che sono arrivati sul posto e lo hanno identificato.

Nel frattempo, i cuccioli sono stati consegnati alla Asl, nonostante avessero ancora bisogno di essere svezzati dalla propria madre.

Così la guardia zoofila, Maria Carmela Bellini, ha fatto alcune indagini ed ha scoperto che una cagna di proprietà dell'uomo aveva partorito in quei giorni.

Si è così presentata davanti la casa dell'uomo insieme a Vigili Urbani, obbligandolo a riprendersi i cuccioli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Marta Citriniti, studentessa del liceo Galilei di Pescara, nella nazionale italiana di dibattito regolamentato (Debate)

Torna su
IlPescara è in caricamento