menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tassa sul turismo, Pescara Mi Piace dice no

Berardino Fiorilli, esponente di Pescara Mi Piace, interviene in merito alla questione della tassa sul turismo, con il voto che domani interesserà il consiglio comunale. "Colpo finale al turismo in città"

No alla tassa sul turismo, colpo finale per un settore già in ginocchio e che non sembra avere margini di ripresa per la prossima estate.

A parlare è l'ex vicesindaco Fiorilli alla vigilia del voto in consiglio comunale per la delibera riguardante l'istituzione della tassa, di un euro al giorno per i turisti che soggiorneranno in città.

Fiorilli ha infatti elencato le varie criticità che affliggono la città e che rischiano di azzerare il flusso turistico, fra cui il rischio dei divieti di balneazione su gran parte della riviera, la mancanza di collegamenti con la Croazia a causa dei fondali del porto, ed ancora la presunta mancanza di un calendario di eventi attrattivo.

"Credo che oggi quella tassa rappresenti l’immagine più eloquente di una giunta comunale miope, fuoriposto, inopportuna e incapace di programmare lo sviluppo del territorio. Domani quella tassa non dovrà essere accolta dal Consiglio comunale e chiedo all’intera assemblea civica, maggioranza compresa, di dimostrare di essere capace di svolgere il ruolo ad essa affidato dagli elettori, ossia incidere sull’azione di governo, fermando l’istituzione della tassa di soggiorno, che non determinerà alcun vantaggio per la città, ma determinerà la fine per le poche strutture ricettive che ancora sopravvivono a Pescara” ha concluso Fiorilli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento