menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Taglia alberi in un'area protetta, denunciato dalla Forestale

Un uomo è finito nei guai dopo essere stato sorpreso all'interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Ha ammesso le proprie responsabilità

La Forestale di Carpineto della Nora, dipendente dal Coordinamento Territoriale per l'Ambiente del Cfs per il Parco Nazionale del Gran Sasso, ha denunciato un uomo per taglio abusivo di piante e distruzione o deturpamento di bellezze naturali su un terreno in località "Fonte Fredda" nel Comune di Pescosansonesco.

L'operazione e' partita da una segnalazione alla Centrale Operativa del Corpo Forestale dello Stato, a seguito della quale una pattuglia si e' recata sul posto accertando il taglio in bosco di diversi alberi di quercia e carpino da parte del responsabile dell'illecito che, sorpreso dai Forestali intento a trafugare legna, ha ammesso di essere l'autore del taglio condotto abusivamente senza autorizzazione in una zona ad alta valenza ambientale.

L'area interessata e il materiale legnoso sono stati sottoposti a sequestro. L'ufficio del CTA/CFS della sorveglianza del Parco precisa che nelle aree protette gli interventi di taglio sono possibili, ma solo dopo una valutazione preventiva che ne certifichi la compatibilita' con l'ecosistema; in questo consiste il nulla-osta che le aree protette rilasciano all'atto di interventi come quelli di taglio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Attenzione al razzo cinese: l'ironia corre sul web [FOTO]

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento