rotate-mobile
Cronaca

Studente di Termoli accoltellò il coinquilino nella casa di Pescara, assolto

La decisione del giudice Nicola Colantonio: era incapace di intendere e di volere nel momento in cui ha agito

È stato assolto lo studente di Termoli che aveva teso un agguato al coinquilino accoltellandolo nella casa di Pescara che condividevano.
Come ricorda l'Ansa, il giovane tentò di uccidere il concittadino aspettandolo al buio e colpendolo più volte alla gola e alla testa con un coltello da cucina.

Dopo minacciò di morte anche un altro studente. Il fatto avvenne un anno fa e venne scatenato da futili motivi.

La vittima dell’aggressione rimase gravemente ferita ma riuscì a salvarsi grazie all’intervento dei vicini di casa. Lo studente fuorisede di Termoli con queste accuse è comparso davanti al tribunale di Pescara. All’esito del processo con rito abbreviato davanti al giudice Nicola Colantonio, il giovane, assistito dall’avvocato termolese Roberto d’Aloisio, è stato assolto. Decisive per il verdetto che ha escluso conseguenze penali sono sono state le perizie richieste dal difensore, che hanno provato l’incapacità di intendere e di volere del giovane al momento dell’episodio. Il giudice ha anche escluso a carico dell’imputato la richiesta di condanna al risarcimento del danno avanzata dalle parti civili dopo aver rifiutato la proposta di un indennizzo. Allo stato attuale, come disposto dal giudice, il giovane si trova in una struttura sanitaria dove sta affrontando un percorso di recupero socio-psicologico assistito da medici e psicologi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studente di Termoli accoltellò il coinquilino nella casa di Pescara, assolto

IlPescara è in caricamento