rotate-mobile
Cronaca

Studente morto per overdose a Bologna: era originario di Pescara

Il 28enne studiava giurisprudenza. Il corpo senza vita è stato ritrovato in casa dal coinquilino, inutili i soccorsi

La giovane vittima era iscritta alla facoltà di giurisprudenza nell'ateneo universitario di Bologna ma era originaria di Pescara, con residenza all'Aquila. Lo studente 28enne è stato ritrovato senza vita nell'appartamento in affitto, martedì 23 luglio intorno alle 17 dal suo coinquilino, nonchè amico e locatario della casa in cui alloggiavano. Sotto shock ha chiamato il 118, ma i soccorsi del personale sanitario sono stati inutili, oramai era troppo tardi.

L'ipotesi è quella di morte per overdose: le prime ricostruzioni dei Carabinieri intervenuti sul posto infatti ipotizzano che il 28enne abruzzese sia stato stroncato da un'overdose da sostanze stupefacenti. Secondo i primi accertamenti svolti sarebbero da escludere cause da morte violenta.

Sul luogo sono intervenuti anche i Carabinieri della Stazione Bologna Bertalia, del Nucleo Operativo della Compagnia Bologna Centro e una squadra dei Carabinieri della locale Sezione Informazioni Scientifiche. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, la salma è stata trasportata presso il locale Deposito e Osservazione Salme per il successivo esame autoptico. Le indagini dei Carabinieri intanto proseguono nella ricerca di accertamenti sul caso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studente morto per overdose a Bologna: era originario di Pescara

IlPescara è in caricamento